domenica 24 gennaio 2021

Pasta chjina calabrese (pasta al forno calabrese)

La pasta chjina calabrese è uno dei piatti forse più rappresentativi della cucina calabrese.

Ricca e saporita, fa da piatto unico e guardando gli ingredienti ve ne accorgerete.

Si tratta del piatto che si prepara la domenica o durante le grandi occasioni, il suo profumo è 

inconfondibile e ogni calabrese doc la adora.

Non vi dico quante cose rievoca alla mente questa pasta: il senso di casa e di famiglia, l'infanzia, la 

spensieratezza e tanta nostalgia.

Una ricetta già riproposta anni fa alla quale volevo dare più attenzione e a cui volevo dedicare degli scatti 

migliori, spero di esserci riuscita anche se il soggetto non è molto fotogenico.

Gustatela con un bel bicchiere corposo di Cirò rosso, l'accoppiata vincente.






PASTA CHJINA CALABRESE

Per una teglia di 28 cm di diametro

500 g di mezzi rigatoni 

600 g di carne macinata misto (bovina e suina)

200 g di pane raffermo ammollato nel latte e ben strizzato

prezzemolo tritato

uno spicchio d'aglio tritato

150 g di pecorino crotonese

1 uovo grande

1 lt di passata di pomodoro

1/4 di cipolla rossa di Tropea affettata

3 cucchiai d'olio evo

200 g di soppressata calabrese piccante tagliata a fettine sottili o a dadini

4 uova sode 

200 g di provola calabrese tagliata a tocchetti

150 g di parmigiato grattugiato

qualche foglia di basilico

peperoncino fresco (per chi lo preferisce)

olio di semi per friggere

sale 

pepe

Preparate le polpette: strizzate bene il pane, impastate con il macinato e unite il pecorino, lo spicchio d'aglio tritato finemente, l'uovo, il sale e il pepe.
Il composto non dovrà essere troppo secco, anzi lasciate l'impasto abbastanza mordido e formate delle piccole palline e poi immergetele in 2 riprese nell'olio caldo.
Friggetele e fastele scolare sulla carta assorbente.
Preparate il sugo: fate rosolare la cipolla nell'olio, unite la passata di pomodoro e fate cuocere con un coperchio per circa 40-50 minuti, avendo cura di girare con un cucchaio di legno di tanto in tanto.
Trascorso il tempo di cottura, sistemate di sale e pepe, poi unite un po' di peperoncino e del basilico.
Lessate la pasta in abbondante acqua salata, scolatela e conditela con 3/4 del sugo. Stendete metà della pasta sul fondo di una teglia ( di 28-30 cm di diametro), aggiungete le polpette, i formaggi ben distribuiti (lasciando una piccola parte di parmigiano per la gratinatura), le uova tagliate a fettine, la soppressata e ricoprite infine con la pasta rimanente. Stendete sopra il sugo rimasto e spolverate col parmigiano avanzato.
Fate cuocere in forno per circa 25 minuti a 220°facendo gratinare col grill per pochi minuti prima di estrarre dal forno.




Buona giornata,
Ale

1 commento:

  1. Bellissima ricetta ,che ricordo , cosi , molto simile a quella di mia madre .
    E sono passati più di 50anni, come fosse ieri

    RispondiElimina

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.