mercoledì 16 ottobre 2019

Lasagne al pesto e provola

Le lasagne al pesto e provola sono una vera delizia.
Ideali come piatto della domenica perché ricco e sostanzioso, mia mamma ha sempre aggiunto del prosciutto cotto tra uno strato e l'altro ma io optato per una versione più "leggera".
La provola in cottura fila che è una meraviglia, sentirete che bontà.



LASAGNE AL PESTO E PROVOLA

Per 4 persone (teglia 25x25)

Per la sfoglia
100 g di farina 0 di grano tenero
100 g di semola di grano duro
70 g di farina di semola a grana grossa
2 uova a pasta gialla


Per la besciamella

750 ml di latte parzialmente scremato
75 g di farina 0 di grano tenero
60 g di burro
sale
2 pizzichi di noce moscata

Per il ripieno

150 g di provola silana tagliata a cubetti
120 g di parmigiano grattugiato
250 g di pesto alla genovese fatto in casa

Sulla spianatoia versate le farine e create la classica fontana dove metterete le 2 uova, impastate fino ad ottenere un impasto liscio, elastico ed omogeneo, anche nel colore,  che sarà giallo intenso se le uova sono a pasta gialla.
La presenza della semola a grana grossa rende la sfoglia un po' più ruvida, caratteristica che a me personalmente piace tantissimo.
Lasciate riposare per circa 30 minuti.
Mentre la sfoglia riposa, nel frattempo realizzate la besciamella: a fiamma dolce fondete il burro in una pentola, unite la farina e mescolate energicamente lasciandola sulla fiamma per circa un minuto.
Spento il fuoco, aggiungete il latte poco alla volta, aiutandovi con una frusta per evitare la formazione di grumi. Mescolate e cuocete fino a che la besciamella non si sarà addensata, infine aggiungete noce moscata e amalgamate bene.
Aggiungete un po' di latte in più se la vostra besciamella vi sembra troppo densa, io cerco di mantenerla un po' fluida perché non secchi in cottura.
Unite la besciamella col pesto fino a formare una crema verde omogenea.
Dopo il riposo della sfoglia, riprendete l'impasto e stendetelo sottile con il matterello. Impugnate il matterello tenendo le mani vicine e facendo pressione con il pollice e il palmo appena sotto. Partite dal cento e ruotate spesso la sfoglia. Man mano che cresce ruotatela arrotolandola sul matterello. 
I fianchi devo ondeggiare. Per farla tonda, far scorrere le mani su e giù per il matterello. Una volta stesa, lasciate la sfoglia ad asciugare.
Trascorso questo tempo, cuocete le lasagne e mettete a bollire abbondante acqua salata. 
Preparate una ciotola di acqua ghiacciata e uno scolapasta.
Tagliate la sfoglia in grandi rettangoli ( la mia teglia era quadrata, quindi ho ricavato delle sfoglie quadrate). Buttatene un paio per volta nell'acqua bollente e quando riprende il bollore scolateli con l'aiuto di una schiumarola, raffreddateli nell'acqua gelida e metteteli a scolare bene stesi nello scolapasta.
Continuate in questo modo fino a cuocere tutti i rettangoli.
Tenete pronti e a portata di mano gli ingredienti del ripieno e sul fondo della teglia spalmate della besciamella al pesto, iniziate con il primo strato di sfoglia, versate la salsa verde, la provola e il parmigiano, ricoprite con un'altra sfoglia e ripetete lo stesso procedimento per tutti gli strati che volete realizzare.
Io ho optato per 7 strati.  
Sull'ultimo strato di sfoglia, versate abbondante besciamella al pesto e parmigiano.

Cuocete in forno a 200° per circa 15 minuti, infine, con la funzione grill fate gratinare bene la parte in superficie per 2 minuti circa.



Buona giornata
Ale

2 commenti:

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.