sono anche su Facebook....

domenica 2 giugno 2019

Basini de Trent

I basini de Trent sono dei biscotti esclusivi di Trento, una delle città del mio cuore.
Una specialità del XVI secolo molto amata dall'aristocrazia locale, che consumava questi pasticcini in occasione delle feste a fine pasto.*
"Basini" perché piccoli, furtivi, fugaci , proprio come un piccolo bacio carpito tra innamorati.
Ingrediente fondamentale la mandorla dolce, che in questo caso assume un forte significato simbolico.
Mandorla come icona contemplativa per una certa iconografia medievale, disegna il principio femminile, frutto del peccaminoso "essenziale nascosto", oppure - per la cultura ebraica- simbolo di nuova vita, legato al senso di rivelazione insito nella nascita. Forse è anche per questo che numerosi ricettari citano le mandorle come stimoli afrodisiaci.**

Semplici e gustosi, provateli e vi sedurranno, sono naturalmente senza glutine e senza lattosio.

Questa è la mia proposta per L'Italia nel Piatto di questo mese, che vede protagonista una ricetta storica come quella che sto per darvi, cioè una ricetta antica, che sa ancora di buono e che conserva il gusto della semplicità.


BASINI DE TRENT
Per 18 pasticcini

200 g di mandorle pelate tritate finemente
100 g di zucchero semolato
2 tuorli

Tritate le mandorle insieme allo zucchero, poi unite i tuorli fino ad ottenere un composto corposo e leggermente appiccicoso.
Formate 18 palline del peso di 20-22 g, poi schiacciatele leggermente in superficie e cuocete in forno caldo statico a 180° per 12-15 minuti o finché non saranno ben dorati.





Con questa ricetta partecipo a L'Italia nel Piatto di questo mese per la mia regione "adottiva":



E ora andate a sbirciare le altre specialità regionali:





*info tratte da qui
** info tratte dal Sussidiario della Cucina Trentina

Buona domenica e buona festa della Repubblica a tutti,
Ale

7 commenti:

  1. Semplicemente buoni, buona domenica

    RispondiElimina
  2. Buoni e teneri proprio come dei bacetti d'amore!

    RispondiElimina
  3. Eccomi Ale, in effetti ho dovuto correggere il tuo link, ma ora è a posto e posso gustarmi un delizioso basino! A presto

    RispondiElimina
  4. Ma quanto sono carini...Chissà che buoni!

    RispondiElimina
  5. Adoro i dolci con le mandorle. Sono veloci da fare e spariscono in ancora meno tempo. Ciao

    RispondiElimina
  6. non sapevo che la mandorla avesse tutti questi simbolismi!! Quante cose interessanti con questa rubrica. Mi mancheranno le tue ricette in questa rubrica ma ovvio che le troverò altrove!! bacioni

    RispondiElimina

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.