martedì 2 aprile 2019

Smacafam trentino

Lo smacafam trentino è una torta salata trentina arricchita da lucanica e lardo.
Tipico del Carnevale, ho pensato di proporvelo per il tema  de L'Italia nel piatto di questo mese "Torte rustiche salate, focacce".
Piatto non leggero, ma rustico e gustoso e soprattutto semplice da realizzare.


La ricetta è della mia cara amica Manuela, trentina doc.




Provatelo!




SMACAFAM TRENTINO (ricetta di Manuela)


Per una teglia 30x40


500gr circa farina 00
750gr circa di latte
60gr circa cubetti di lardo
1 lucanica stagionata trentina (salame tipo cacciatorino)
1 lucanica fresca (o pasta di lucanica /salsiccia)

In una ciotola amalgamate la farina aggiungendo un po' alla volta il latte (3/4 di litro circa) fino a creare una pastella densa e sostenuta (non troppo fluida, simile ad un impasto per torta), infine unite un uovo e amalgamate bene.

A parte tagliate a cubetti un po' di lardo (60gr circa) e mezza lucanica.


Aggiungete poca farina per rendere il composto più denso,


Riscaldate il forno a 190°, ungete bene una teglia con burro e metterla in forno a riscaldarla bene (deve essere bollente), quando sarà ben calda, versate il composto ottenuto e sulla superficie mettete a pezzettini la lucanica fresca.
Cuocete per 30/40 minuti o finché non si sarà creata una deliziosa crosticina in superficie.
Ideale da accompagnare con un tagliere di formaggi e salumi.






Con questa ricetta partecipo a L'Italia nel Piatto di questo mese per la mia regione "adottiva":


 






Venite a sbirciare le specialità delle altre regioni italiane:




Valle d’Aosta: Tourte aux herbes (Blog: A casa di Vale)
Piemonte: La rustica – torta piemontese ai formaggi (Blog: Zibaldone culinario)
Liguria: Torta di asparagi e patate (Blog: Arbanella di basilico)
Lombardia: Costoletta alla milanese (Blog: Kucina di Kiara)
Friuli Venezia Giulia: Pinza triestina (Blog: That's amore)
Veneto: Tortino di spinaci, uvetta e pinoli (Blog: Il fior di cappero)
Emilia Romagna: Il Bartolaccio di Tredozio (Blog: Zibaldone culinario)
Toscana: Barbotta o barbotla ai fiori di zucca (Blog: Acquacotta e fantasia)
Umbria: Schiacciata con la cipolla (Blog: Due amiche in cucina)
Marche: Crescia sfogliata marchigiana (Blog: Forchetta e pennello)
Lazio: Fiori di zucca ripieni al forno (Blog: Meri in cucina)
Abruzzo: Fiadoni (Blog: Il mondo di Betty )
Molise: Calzoni con bietola, olive e acciughe (Blog: Donnepasticcione di Gilda)
Campania: Torta rustica con ricotta e salame (Blog: Fusilli al tegamino)
Puglia: Torta rustica di carciofi (Blog: Breakfast da Donaflor)
Basilicata: I falagoni lucani (Blog: La lucana in cucina)
Calabria: Grupariata – la focaccia rossa calabrese (Blog: Il mondo di Rina)
Sicilia: U’sfinciuni – lo sfincione palermitano (Blog: Profumo di Sicilia)
Sardegna: Panedda di Oliena (Blog: Dolci tentazioni d’autore)

7 commenti:

  1. Semplice e molto gustoso! Mi piace molto il nome di questo piatto tipico :)

    RispondiElimina
  2. Direi squisito, buona serata.

    RispondiElimina
  3. Dalla foto se ne intuisce la fragranza!

    RispondiElimina
  4. Lo conosco, quanto mi piace, brava!

    RispondiElimina
  5. decisamente sfizioso e saporito, chissà che buono appena sfornato!

    RispondiElimina
  6. Adoro queste ricette della tradizione. Una bellissima proposta.

    RispondiElimina
  7. Ale che bontà, mi ricorda la pizza con i curcuci che si mangia in Calabria, buonissima!!un bacio

    RispondiElimina

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.