sabato 2 febbraio 2019

Torta gradela alle pere per Sant'Antonio

La torta gradela alle pere è un dolce che si preparava anni fa ad Albiano, un comune nella val di Cembra e noto come paese del porfido, in occasione della festa di Sant'Antonio, il 13 giugno.
Festa patronale di antica tradizione, fu spostata negli anni a fine agosto, periodo nel quale i lavori nei campi e l'importante fienagione sono meno pressanti.
Si tratta di una festa che gli abitanti di Albiano mantengono ancora intatta, nonostante lo scenario economico e sociale sia cambiato radicalmente, l'antica usanza di stare insieme, festeggiare e divertirsi è ancora viva.

Per questa ricetta devo ringraziare la signora Luigina, che mi ha gentilmente regalato la sua versione.
Una torta dai sapori semplici, come quelli di una volta ma pur sempre genuini e sempre molto apprezzati.
E ringrazio di cuore anche Alessia, una delle mie care amiche dell'università, che ha gentilmente chiesto a sua suocera (la signora Luigina) questa preziosa ricetta.
Luigina racconta che la torta si preparava il giorno prima perché con il riposo diventava più buona il giorno successivo.
Il venerdì e sabato prima della festa si suonava il "campanò" e i bambini intonavano questa canzoncina:

Din don campanò
a mi torta e ti no
mi me fago el smacafam per ancoi e per doman
din don dan

La parola gradela sta a indicare la forma di graticola resa dalle strisce della crostata e pare si preparasse con un particolare tipo di pere che maturavano in quel periodo di giugno.
Io per la realizzazione ho usato delle comuni Kaiser.

Sentirete che bontà!

Per L'Italia nel Piatto di questo mese il tema è "Il piatto del Santo" e questa è la mia dolce proposta, spero vi piaccia.


TORTA GRADELA ALLE PERE PER SANT'ANTONIO

Per uno stampo di 24 cm di diametro

350 g di farina 00
220 g di burro morbido
100 g di zucchero
1 uovo intero medio
2 tuorli piccoli 
scorza di un limone grattugiato
600 g di pere pelate e tagliate a fettine
scorza di un limone non trattato grattugiato
50 g di zucchero semolato 
poca cannella in polvere
100 g di confettura di albicocche
poco latte per spennellare

Lavorate il burro morbido con lo zucchero, le uova, la farina e il limone.
Lavorate velocemente la frolla, formate una palla e tenetela in frigo per 2 ore.
Trascorso questo tempo, stendete la frolla con il matterello, lasciando 1/3 dell'impasto per formare le strisce.
Stendete il fondo della crostata nello stampo, bucherellate con una forchetta, stendete la confettura, le pere che avrete passato nella cannella e nello zucchero e ricoprite con le strisce di frolla aiutandovi con un tagliapasta.
Pennellate la torta con poco latte e poi mettete in forno a 180° per circa 40 minuti.

Il giorno seguente è ancora più buona.




E ora andate a leggere le delizie delle altre  regioni italiane:





Piemonte: Pane di San Gaudenzio 
https://www.fiordipistacchio.it/2019/02/02/pane-di-san-gaudenzio/

Lombardia: Tagliatelle alla Santa Giuletta 
https://www.kucinadikiara.it/2019/02/tagliatelle-alla-santa-giuletta.html

Friuli Venezia Giulia: Frico di patate
https://www.blogthatsamore.it/2019/02/frico-di-patate-della-carnia.html

Veneto: Dolce Sant’Antonio 
https://www.ilfiordicappero.com/2019/02/dolce-santantonio.html

Emilia Romagna:Le scarpette di S. Ilario 
https://zibaldoneculinario.blogspot.com/2019/02/le-scarpette-di-s-ilario.html

Liguria: pane Martino     
https://arbanelladibasilico.blogspot.com/2019/02/pane-martino-per-il-piatto-del-santo.html

Toscana: Marzapane di Pietrasanta per San Biagio https://acquacottaf.blogspot.com/2019/02/marzapane-di-pietrasanta.html


Umbria:Polpette di Sant’Antonio   
https://www.dueamicheincucina.it/2019/02/polpette-di-santantonio.html 

Lazio: Biscotto di Sant’Antonio   
https://merincucina.it/2019/02/il-biscotto-di-santantonio.html

Molise: U pappone - il pappone ricetta termolese https://blog.cookaround.com/gildabias/u-pappone-il-pappone-ricetta-termolese/

Campania: I cicci di Santa Lucia https://fusillialtegamino.blogspot.com/2019/02/il-piatto-del-santo-i-cicci-di-santa.html

Puglia: Il gallo di Sant’Oronzo  
https://breakfastdadonaflor.blogspot.com/2019/02/cucina-pugliese-il-gallo-di-santoronzo.html

Basilicata: Polpette povere di San Gerardo  
http://blog.giallozafferano.it/lalucanaincucina/polpette-povere-di-san-gerardo/

Calabria: Lagane e ciciri 
 https://ilmondodirina.blogspot.com/2019/02/02/lagane-e-ciciri.html

Sicilia: Bocconcini di Pesce Spada a Ghiotta per la Madonna della Lettera
https://www.profumodisicilia.net/2019/02/02/pesce-spada-a-ghiotta/

Sardegna: Sa Cogone de Pistiddu  
https://dolcitentazionidautore.blogspot.com/2019/01/sa-cogone-de-pistiddu.html

Con questa ricetta partecipo a L'Italia nel Piatto di questo mese per la mia regione "adottiva":







9 commenti:

  1. Specialissima,mi ricorda tanto la mia infanzia......
    Grazie davvero per avermela ricordata!!

    RispondiElimina
  2. Questa mi piace tantissimo!!!!!
    Ciao
    Elisa

    RispondiElimina
  3. Bellissima la crostata e bellissima la tradizione!! I tuoi dolci sono sempre invitanti!! Un bacio

    RispondiElimina
  4. Questa torta me la segno. Mi piace l'idea di fare una crostata con la confettura e la frutta intera all'interno. Deve essere proprio deliziosa.

    RispondiElimina
  5. Grazie per aver condiviso questa tradizione!

    RispondiElimina
  6. Ricetta salvata, non sarà Sant'Antonio, ma devo assaggiarla!

    RispondiElimina
  7. Doro i dolci rustici, soprattutto le crostate, questa con le pere e confettura è molto invitante
    A presto

    RispondiElimina

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.