domenica 29 aprile 2018

Shëndetlije alla salvia e la mia biblioteca golosa

Arrivo quasi al termine del contest ma ci tenevo a partecipare perché adoro i libri di cucina e tutto ciò che gira intorno al mondo dei libri.
La mia biblioteca golosa, è un vero disastro, ritagli di ricette da vecchie riviste, agendine con ricette viste in tv e tanti libri, di tutti i tipi.
Come potrete notare qui sotto, nella mia libreria c'è un po' di tutto: cucina italiana, straniera, rinomati pasticceri e tanti libri sul cioccolato, che amo moltissimo.

Cresciuta con i libri di Carnacina, da cui mia mamma attingeva spesso, ho uno speciale rapporto con la raccolta "Cucina italiana dall'A-Z" di sei volumi, che da piccola continuavo a sfogliare sognante.

Per il contest di Betulla, però, ho scelto un libro da poco entrato nella mia "biblioteca", #tëdjelave , in lingua albanese, di Uarda Shaninaj, conosciuta come Adda's all, che racconta di ricette per i giorni di festa, come la domenica, dove la convivialità è la parola chiave, perché per me cucinare è condividere bontà con le persone che ami, siano esse familiari o amici.

Tra le ricette proposte nel libro, ho deciso di provare Shendetlije, una torta tipica albanese ma che nel libro troviamo in una versione rivisitata dal profumo di salvia.

Nonostante fossi un po' scettica nel considerare la salvia nei dolci, trovo questa ricetta valida anche perché le foglie di salvia regalano freschezza al dolce.

Provatelo e fatemi sapere!



SHËNDETLIJE ALLA SALVIA 
Per uno stampo di 20 cm di diametro

2 uova piccole
35 g di burro fuso
150 g di miele di sulla scaldato + 2 cucchiai
6 foglie di salvia fresca + 5 per la decorazione
100 ml di latte intero
120 ml di acqua
150 g di farina 00
8 g di lievito per dolci
1 pizzico di bicarbonato
qualche goccia di estratto naturale di vaniglia
la.scorza grattugiata di mezzo limone non trattato

Lavate le foglie di salvia e mettete 6 foglie in un pentolino con l'acqua, fatele bollire per 2-3 minuti e poi lasciatele in infusione a fuoco spento.
Nel frattempo imburrate lo stampo e ponete sul fondo 5 foglioline di salvia facendole aderire.
Nella planetaria montate le uova con il latte rendendole schiumose poi unite il miele scaldato, la scorza di limone e l'estratto di vaniglia.
Aggiungete la farina setacciata con il lievito e il bicarbonato.
Infine Unite il burro fuso e due cucchiai dell' infuso alla salvia mescolate bene e versate il composto con delicatezza nello stampo imburrato precedentemente facendo attenzione a non muovere le foglie di salvia dal fondo.
Cuocete in forno a 160° per circa 30 minuti, vale la prova stecchino.
Mentre la torta cuoce preparate lo sciroppo da versare sulla superficie scaldando due cucchiai di miele e altri due cucchiai di infuso alla salvia.
Quando la torta sarà pronta e ormai tiepida, toglietela dallo stampo e bagnatela con lo sciroppo di miele e salvia.






Con questa ricetta partecipo al #Betullacontest  #BibliotecaGolosa di Betulla
Per la categoria Giramondo


A tutti voi auguro una felice domenica,
Ale

4 commenti:

  1. Ciao, non l'ho mai mangiata questa torta, sembra buona, buona serata.

    RispondiElimina
  2. Mi piace tanto l'idea della salvia e mi piace anche scoprire ricette della cucina albanese,che è pochissimo conosciuta. Brava! :-)

    RispondiElimina
  3. Interessante questa torta, mi piace sempre scoprire dolci nuovi e particolari, devo provarla questa torta ora che ho la salvia sul balcone.

    RispondiElimina
  4. Cara Ale, in ritardo ma arrivo anche qui a ringraziarti di cuore per aver conribuito al mio piccolo contest. La tua biblioteca golosa ti somiglia davvero tanto, perchè è schietta, sincera e senza fronzoli, ma capace di fare magie (specialmente con i dolci)! Inoltre apprezzo moltissimo il tuo libro giramondo: l'Albania è relativamente vicina all'Italia, ma noi la conosciamo davvero troppo poco, anche in cucina! Grazie di cuore Betulla

    RispondiElimina

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.