venerdì 2 marzo 2018

Risotto al teroldego

Il risotto al teroldego è un piatto ormai classico della cucina trentina, anche se effettivamente il riso non è un alimento tipico di questa regione.
Per il tema di questo mese de L'Italia nel piatto che prevede preparazioni a base di riso, ho deciso di realizzare questo squisito risotto dal profumo, colore e aroma inconfondibili.

Adatto a grandi e piccini, perché l'alcool durante la cottura evapora, è solitamente un piatto gustoso e molto apprezzato.

Per renderlo ancora più trentino, ho unito le mele, sentirete che bontà.



RISOTTO AL TEROLDEGO E MELE

350 g di riso Vialone nano o Carnaroli
mezza cipolla tritata finemente
1,5 lt di brodo vegetale fatto in casa
250 ml di Teroldego
2 mele Gala
2 cucchiai di olio evo
40 g di burro
50 g di grana trentino grattugiato
sale
pepe

Mettete la cipolla in una casseruola a rosolare con l'olio, unite subito dopo il riso e fatelo tostare.
Aggiungete via via del brodo poco salato e a metà cottura, unite le mele sbucciate tagliate a dadini e il vino.
Cuocete fino a che il riso non sarà al giusto punto di cottura.
 A cottura ultimata mantecate con il formaggio grattugiato e il burro. Aggiustate di sale e pepe.
A piacere servite con qualche scaglia di grana.




Venite a gustare i piatti delle altre regioni:
Veneto: Risi e latte
Friuli Venezia Giulia: Budino di riso
Emilia Romagna: Risotto alla primogenita
Umbria: Riso e patate
Calabria: Riso e scariola

Vi auguro un felice weekend,
Ale

5 commenti:

  1. Non ho dubbi sulla sua bontà! Le mele ci stanno sicuramente molto bene!!
    ciao
    elisa

    RispondiElimina
  2. Io ho scoperto le mele nel risotto da poco e devo dire che mi piacciono un sacco.
    BAci

    RispondiElimina
  3. Bellissima ricetta, Ale, complimenti :)

    RispondiElimina
  4. Una ricetta particolare, mi piace l'abbinamento con le mele!
    un abbraccio

    RispondiElimina

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.