lunedì 23 ottobre 2017

C'era una volta un tortello: sbrisolona alla confettura di zucca, amaretti e mostarda

Se penso ai miei piatti preferiti per eccellenza ci sono la parmigiana di melanzane e i tortelli di zucca.
Ispirandoci a questi ultimi, noi del Calendario del Cibo italiano oggi festeggiamo la giornata del tortello di zucca in modo creativo.

Ecco la mia proposta: sbrisolona con all'interno confettura di zucca, amaretti e infine mostarda di pere.

Vi posso assicurare, una delizia, ha fatto un successone tra marito e suoceri e non c'è soddisfazione più grande.



SBRISOLONA ALLA CONFETTURA DI ZUCCA, AMARETTI E MOSTARDA

Per una torta di 28-30 cm di diametro

100 g di burro di ottima qualità
100 g di strutto
140 g di mandorle tritate grossolanamente
200 g di farina di mais fioretto
200 g di farina 00
200 g di zucchero semolato
2 tuorli medi
scorza di un limone 
10-15 mandorle non pelate

In un terrina lavorate il burro, lo strutto, le mandorle tritate e la farina di mais.
Aggiungete i tuorli, i 3/4 dello zucchero e la scorza di limone. Unite tutti gli altri ingredienti e lavorate l'impasto fino ad ottenere un composto sbriciolato.

Per il ripieno

200 g di zucca tagliata a cubetti
70 g di zucchero semolato
7-8 amaretti sbriciolati
20 g di mostarda di pere
qualche goccia di succo di limone


La sera prima, ubite in una terrina la zucca e lo zucchero e fate macerare per circa 10-12 ore.
il giorno seguente, in una pentola mettete la zucca e lo zucchero e fate cuocere a fuoco lento fino a che il composto non sarà gelatinoso e denso.
Unite gli amaretti tritati finemente alla confettura e infine la mostarda, mescolate bene. 


In una tortiera imburrata e infarinata mettete un primo strato di impasto sbriciolato senza compattarlo con le mani.
Stendete uno strato di confettura di zucca spalmatelo maniera omogenea e ricoprite con il secondo strato di impasto sbriciolato.
Spolverate lo zucchero rimasto in superficie e decorate con le mandorle intere non pelate Cuocete in forno a 180° per circa 35-40 minuti o fino a che il dolce non sarà ben dorato.



Con questa ricetta partecipo al Calendario del Cibo Italiano



Vi auguro una buona giornata,
Ale


11 commenti:

  1. Sei stata bravissima! Quando ho visto questa "sfida" del Calendario mi sono bloccata, non mi veniva in mente nulla...complimenti davvero :-)

    RispondiElimina
  2. Nonostante inghippi, malanni e sorte avversa, sei riuscita a creare un capolavoro. E chi ti ferma? ;-)

    RispondiElimina
  3. Wow che torta deliziosa, un insieme di sapori interessanti tutti riuniti in una fetta di torta ...complimenti!

    RispondiElimina
  4. Mi procuro questa farina gialla, che in Sicilia non è diffusa, e preparo questa meravigliosa sbriciolata! Non l'ho mai fatta con la zucca!

    RispondiElimina
  5. I sapori dei ricordi sono sempre quelli che risvegliano in noi 1000 emozioni :-)
    Questa ricetta è preziosa, grazie Ale e buon inizio settimana <3

    RispondiElimina
  6. Non solo devo assolutamente provare una volta a fare la sbrisolona...ma pure la tua ora! Ecco mi devo dare da fare!!!
    Complimenti :)

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia questa sbrisolona! L'unione perfetta di due grandi ricette :)

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia Alessandra! La dimostrazione che la volontà di ferro può anche più di un malanno. Brava!

    RispondiElimina
  9. gran bella idea Ale! E le tue mani sapienti hanno tirato fuori dal cilindro un'altra meraviglia! Complimenti sinceri.
    Un abbraccione. Giuli

    RispondiElimina
  10. Che bella questa sbrisolona Alessandra!! Complimenti davvero!!

    RispondiElimina
  11. Quanto mi piace la sbrisolona non lo immagini e la tua deve essere una meraviglia.Complimenti!!

    RispondiElimina

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.