giovedì 7 settembre 2017

Torta soffice alle merendelle

Le merendelle? E cosa sono?
In Calabria viene denominata "merendella" la pesca sbergia, dal colore chiaro con qualche venatura rossa, questo frutto ha un profumo e un sapore inconfondibili.
Si tratta di una varietà di pesca nettarina, diffusa solamente in Calabria e Sicilia.
Probabilmente per il suo sapore dolce in Calabria ha preso questo nome "goloso".
Portato qualche kg con me durante il viaggio di ritorno dalla Calabria fino a Bolzano, ho pensato che sarebbe stato carino realizzare una ricettina con questo frutto meraviglioso.

Anche questo frutto mi ricorda le mie estati calabresi e rimarrà uno dei miei frutti preferiti in assoluto.

Buona torta a tutti!


TORTA SOFFICE ALLE MERENDELLE

Per una torta di 22-24 cm di diametro

3 uova
80 ml di olio di semi di girasole
150 ml di panna fresca
150 g di yogurt bianco denso o alla vaniglia
180 g di zucchero
270 g di farina
1 bustina di lievito per dolci
la scorza di un limone non trattato
1 pizzico di sale

4 merendelle tagliate a spicchietti


Sbattere l'olio con lo zucchero, incorporare le uova una per volta, avendo cura di sbatterle singolarmente al composto. Aggiungere il sale, la scorza di limone, la panna, lo yogurt e montate il composto.
Aggiungere la farina e il lievito setacciati e versate il composto il composto nello stampo precedentemente imburrato e infarinato. Mettete le fettine di pesche in superficie senza farle affondare e formate una sorta di fiore.
Cuocete in forno a 180° per circa 40 -45 minuti, vale la prova stecchino.

Una volta fredda, spolveratela di zucchero a velo e servite.




Vi auguro un felice giovedì,
Ale

6 commenti:

  1. Ha sfruttato al meglio la dolcezza delle ultime pesche :-) Bravissima Ale e buona colazione <3

    RispondiElimina
  2. Che morbidezza e che buon gusto !!! Ottima per iniziare la giornata e non solo !

    RispondiElimina
  3. Dalle mie parti non ho mai trovato questo tipo di pesche. Sono con o senza pelo? sarei davvero curiosa di assaggiarne una, ma anche di farmi fuori una fetta di questa meraviglia

    RispondiElimina
  4. Che nome simpatico merendelle, non lo avevo mai sentito, noi dirimpettai oltre stretto le chiamiamo semplicemente sberge, non so se in dialetto c'è un nome particolare, ma credo che sia un frutto tutto del sud perchè qui al nord dove vivo ora non li ho mai trovate! Questa torta deve essere un tripudio di profumi... potessi averne un kg per prepararla! A presto LA

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo queste pesche, ma la tua torta è uno spettacolo, proverò a farla anche con le normali pesche noci o tabacchiere ( che adoro ma che ahimè, causa allergia, non posso consumare crude!!!)
    Un bacione cara

    RispondiElimina
  6. Questa torta fa venire l'acquolina solo a guardarne le fotografie.
    Ne vorrei una bella fettona per la colazione di domani mattina.

    RispondiElimina

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.