sono anche su Facebook....

lunedì 26 ottobre 2015

Buchteln (Rohrnudeln) con salsa alla vaniglia

Per terminare il menù a tema Oktoberfest e per invece proseguire con il lunedì etnico, oggi vi propongo i 'Buchteln' (chiamati così in Austria e Alto Adige) o 'Rohrnudeln' (denominazione dello stesso dolce in Germania).
Si tratta di piccole palline di pasta dolce lievitata con o senza ripieno, sofficissime e morbidissime a cui viene accompagnata una golosa salsa alla vaniglia.

Forse i napoletani che mi leggono, sicuramente penseranno al loro danubio, ma per chi ancora non lo sapesse, il danubio è  figlio del buchteln e venne importato a Napoli nei primi anni del '900 dal famoso Scaturchio, che rientrato dalla guerra, portò con sé la moglie di Salisburgo da cui adottò questa nuova ricetta del "nord" , e il successo  fu assicurato.

E i napoletani hanno fatto bene, perché il Buchteln è  davvero delizioso...


BUCHTELN CON SALSA ALLA VANIGLIA
Per 4 persone

330 g di farina di manitoba
80 g di burro bavarese
60 g di zucchero a velo
10 g di zucchero semolato
La scorza di un limone non trattato
130 ml di latte tiepido
La polpa di  mezza bacca di vaniglia
1 pizzico di sale
2 tuorli
10 g di lievito di birra fresco
50 g di confettura di albicocche
60 g di burro fuso


Per la salsa alla vaniglia

3 tuorli
125 ml di latte intero
30 g di zucchero
La polpa di mezza bacca di vaniglia


Sbriciolate ne fate sciogliere il lievito in una terrina con lo zucchero semolato e 3 cucchiai di latte tiepido.
Setacciate la farina in una terrina a parte e unite solo 100 g al composto di zucchero e lievito, mescolate fino a formare un composto morbido.
Coprite con un canovaccio e fate lievitare per 60 minuti.
Fondete il burro con il latte rimasto e mescolate, aggiungete la vaniglia, la scorza di limone, lo zucchero a velo, il sale e i tuorli e uniteli al composto lievitato, unite la restante farina e impastate fino a che l'impasto non si staccherà dai bordi della ciotola risultando quasi setosa.
Coprite nuovamente con un canovaccio e fate lievitare 2 ore, lontano da correnti d'aria.

Trascorso il tempo, preparate il.vostro piano di lavoro infarinandolo,ricavate dall'impasto un rotolo, poi tagliatelo in 12 parti uguali  e formate delle palline lisce al cui interno potete mettere poca confettura di albicocche.

Immergete le palline ottenute in pochi secondi nel burro fuso e poi  in uno stampo di 26 cm di diametro già imburrato.
Fate lievitare ancora 20 minuti in un luogo caldo e poi mettete in forno a 180 ° per circa 20-25 minuti o comunque fino a che le palline non saranno dorate in superficie.
Appena sfornate, spennellate con della confettura di albicocche in superficie per lucidare. Lasciate raffreddare e a piacere spolverate di zucchero a velo.

Preparate la salsa di vaniglia scaldando il latte con la vaniglia, nel frattempo sbattete i tuorli con lo zucchero fino a renderli spumosi, poi uniteli al latte caldo, meglio se a bagnomaria, e fate addensare.

Servite i buchteln con la salsa calda o fredda.



Una morbidezza e un profumo senza eguali...




Buon inizio settimana a tutti, 
Ale 

7 commenti:

  1. Ma quanto sei brava!!!!!!! Bacioni

    RispondiElimina
  2. Meraviglioso è l'unica parola che mi viene in mente!

    RispondiElimina
  3. Ohh che bello, con quella salsina deve essere divino

    RispondiElimina
  4. Sono delle nuvolette soffici e golosi e poi, con quella crema sono d'avvero golose !

    RispondiElimina
  5. Li conosco dall'infanzia ed a Trieste sono di casa ma anche come semplice pane, viene proprio fatto in quel modo e poi venduto a 1-2-3 pezzi come e quanti vuoi. Buona serata.

    RispondiElimina
  6. Hai scelto una ricetta deliziosa e confortante x iniziare la settimana con la giusta carica ed il buonumore necessario :-) Bravissima..io sto già sbavando :-P

    RispondiElimina
  7. Ale che meravigliaaaaaa ! Sono identici a quelli che trovo in Alto Adige d'estate. Si vede eccome che sono una nuvola sofficissima !! :))

    RispondiElimina

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.