venerdì 7 agosto 2015

Le cartucce (la variante calabrese)

Proust aveva reso perfettamente l'idea delle "madeleines" nella sua opera "Alla ricerca del tempo perduto" perché condivido a pieno la sensazione da lui descritta.
A volte sembra quasi magico ed incredibile, come l'intensità di un ricordo di un profumo o di un sapore  sia così capace di riportarci indietro nel tempo.
Le cartucce, rinomati pasticci di appartenenza partenopea, si ritrovano anche nella tradizione pasticcera calabrese, soprattutto nella provincia di Catanzaro e vengono impropriamente definite "maddalene".
Quasi al termine dalla mia vacanza calabrese, circa una decina di giorni fa, sono passata in un negozio di casalinghi e articoli di cucina a Catanzaro Lido dove ho chiesto se avessero i cannelli appositi e le relative cartine.
Quando la signora mi ha detto di sì, ho quasi sussultato, rapita, a dir poco, da un momento di felicità incontenibile.

Lo scorso anno avevo provato a cuocere le cartucce di Assunta, utilizzando i cannelli per cannoli, molto più lunghi e molto più scomodi, con risultati disastrosi in forno.

Buonissime, deliziose ma non mi sembrava lo stesso identico sapore di quelle che ho sempre mangiato da bambina, durante le occasioni importanti, battesimi, comunioni e matrimoni in famiglia.

I tavoli imbanditi di pasticcini sono un mio ricordo fisso d'infanzia, dove tra i miei preferiti spuntavano gli amaretti, e le cartucce, di cui di quest'ultime mio fratello faceva delle grandi scorpacciate.

Ed ecco che la signora del negozio di Catanzaro Lido mi ha fornito una ricetta fantastica e identica a quella a cui ero abituata da bambina: la versione calabrese delle cartucce!

Le cartucce in Calabria sono senza farina di mandorla ma sono con l'essenza, adifferenza di quelle napoletane, che prevedono anche l'uovo intero.

Non vi dico che bontà...per Linda sono diventate la sua merenda preferita e la mattina le piacciono anche inzuppate nel latte caldo!

Dall'aspetto retrò, le cartucce esprimono eleganza e semplicità, un connubio sempre vincente!
Srotolare la cartina prima di addentare questo pasticcino morbido e profumato rende la cosa ancora più  affascinante... perciò armatevi di cannelli e cartine e provatele anche voi!
Non ve ne pentirete! ;)
Grembiule coccinella Cuoredi

CARTUCCE (VARIANTE CALABRESE)
Per 20-25 pezzi

100 g di burro morbido
100 g di zucchero
100 g di tuorli
100 g di farina 00
vanillina (io 5 gocce di estratto naturale di vaniglia)
2 g di lievito per dolci (facoltativo)
5 gocce di estratto di mandorla amara

Preparate una teglia da forno coperta di un foglio di alluminio, poggiate sopra i cannelli in cui arrotolate all'interno la cartina apposita.
Lavorate in una terrina il burro mordido con lo zucchero, unite gli aromi e poi i tuorli, uno per volta e montate bene dfino a far diventare il composto chairo e spumoso. In ultimo aggiungete la farina e il lievito e con una sac-à-poche riempiee i cannelli a 3/4.
Cuocete in forno caldo  a 180° per circa 15 minuti.




Linda che, contenta, assaggia la sua cartuccia...



Oggi parto per le vacanze e rientro il 25.
Buone ferie a tutti voi!
Ci risentiamo tra qualche settimana con tante novità,
Ale.

7 commenti:

  1. Ma sai che non avevo idea facessero le cartucce anche in Calabria? Sarà che i miei compleanni erano pieni di paste di mandorla, ma le cartucce non le ho mai viste :) Voglio provare a fare sia la nostra versione che quella calabrese.. In fondo da che avevo nove anni ci ho passato ogni estate in Calabria e quasi mi sento parte di quella terra :) Quest'anno per me sarà Favignana. Tu dove vai di bello?
    Baciotti e buone vacanze :*

    RispondiElimina
  2. Questi sono i dolci della mia infanzia, c'era un piccolo negozio sotto casa che le vendeva, il signor Luise era un vecchietto e nel suo bancone esibiva questi porta bon bon di cristallo fighissimi.... Insieme alle liquirizie, prendevo le mie cartucce quotidiane :) non sapevo di questa versione calabrese senza mandorle, hanno un aspetto fantastico ;) Buone vacanze amica :**

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo questo dolce, sicuramente buonissimo, tipico della tua terra:))grazie mille per la ricetta che hai condiviso, mi piace e mi ispira tantissimo:))
    un bacione e buone vacanze, io sono appena tornata...
    Rosy

    RispondiElimina
  4. Lindaaaaa, cucciolotta, quante cose buone prepara la tua mamma????? Fossi io sua figlia :DDDD Le cartucce sono da sempre il mio dolcetto di pasticceria preferito e le tue sono perfette come solo tu sai"""" Grandiosa!!!!!!!!!! <3 tvb e buone vecanze amica mia !

    RispondiElimina
  5. Ho comprato cartone e stampino in un mio breve ritorno a Napoli ma ancora non le ho preparate,grazie carissima non ho ben capito in cosa differiscono da quelle campane,il caldo mi ha completamente preso,vado a rileggere,buon sabato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voglio provare anche la tua versione,grazie carissima

      Elimina
  6. Buone vacanze Ale, a te ed alla tua splendida famiglia (quant'è cresciuta Linda!)! Nella mia zona io non le ricordo, x cui credo mi toccherá farle per assaggiarle! Una sola domanda: davvero col cannello dei cannoli non ce la si fa?

    RispondiElimina

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.