martedì 7 luglio 2015

Frittelline calabresi di fiori di zucca e parmigiano reggiano per #PRCHEF2015

Devo proprio ammetterlo: alcuni profumi, sapori e colori parlano di te e del tuo passato, di chi sei e di cosa sei diventato, del patrimonio prezioso che ti porti dietro insieme a tanti ricordi ed insegnamenti, a parole perse tra le memorie del tempo e a rumori che lontani ancora risuonano...
Il profumo e il sapore delle "pitticelle" (chiamate così le frittelle nel nostro dialetto calabrese) di mia nonna Assunta sono cose che non dimenticherò mai, a cui rimarrò per sempre legata e che mi ricorderà sempre le mie estati da bambina.

La versione originale prevede il pecorino che io ho voluto sostituire con il parmigiano reggiano!
Ottimo accostamento! Solo 4 ingredienti per creare delle vere delizie...


FRITTELLINE CALABRESI DI FIORI DI ZUCCA E PARMIGIANO REGGIANO
Per 15-16 frittelline

100 g di uova (circa 2)
100 g di farina 00
100 g di parmigiano reggiano stagionato 36 mesi
25 fiori di zucca lavati , puliti e privati del pistillo
prezzemolo tritato (facoltativo)
sale
pepe

olio per friggere

In una terrina sbattete le uova, unite la farina, aggiustate di sale e pepe e unite il formaggio (edeventualmente il prezzemolo). Aggiungete per ultimi i fiori spezzettati e lasciate riposare la pastella per mezzora. Se il composto dovesse risultare troppo denso, unite poca acqua, dovrete ottenere una pastella un po' fluida e non troppo corposa.
Scaldate l'olio fino a farlo diventare caldo e con un cucchiaio formate le vostre frittelle, facendole friggere da entrambi i lati e facendo dorare bene.
Sgocciolate le vostre frittelle e poggiate su un piatto coperto di carta assorbente.
Mangiatele ancora calde.





Con questa ricetta partecipo al contest di Parmigiano Reggiano
#4cooking #PRCHEF2015

Vi auguro un felice martedì,
Ale

9 commenti:

  1. Esistono piatti che ti riportano a quello che eri e ti fanno pensare quello che sei diventata. Alcuni sapori, profumi ti ricordano le tue radici, quelle che ben salde a terra ti permettono di volare senza la paura di cadere e farti male. I colori, poi, sono quelli che ispirano e hanno il loro perché. Il verde speranza delle frittelle di fiori di zucca è quello che mi ha sempre colpita, più del giallo-arancio. Il verde speranza che mi ha fatta crescere sognatrice.. e da sogno deve essere il sapore di queste tue frittelline :)

    RispondiElimina
  2. Che buone le frittelline di zucca e li hai presentate anche molto bene !

    RispondiElimina
  3. Le divorereiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii, quanto buone sono???? Bravissima Tesorina mia <3

    RispondiElimina
  4. queste le amo, viste su fb son venuta subito a leggere, prendo le uova e le faccio, amo il parmigiano alla follia e trovo le frittelle con i fiori fantastiche, mi ricordano la mia nonna che me le faceva sempre ogni volta che la vedevo, mi hai regalato un'idea splendida! grazie!

    RispondiElimina
  5. Ciao Ale queste frittelline le fa anche mia madre ma non sapevo fossero calabre, guarda te!
    Ottime !

    RispondiElimina
  6. Le avevo viste su FB e mi erano piaciute, ora che ho letto la ricetta, me ne sono innamorata ! Booooneeee <3

    RispondiElimina
  7. Buono le provo fare ma scelgo il pecorino. Buona serata

    RispondiElimina
  8. Che meravigliosa ricetta, si vede che c'hai messo il cuore :-) Complimenti dolcissima Ale e in bocca al lupo x il contest :-)

    RispondiElimina
  9. golosissime e troppo sfiziose oltre che speciali in quanto rivestono per te grande valore affettivo essendo legate alla figura di una persona a te tanto cara....
    grazie mille per la condivisione Ale, un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.