giovedì 12 febbraio 2015

Baci sinfonici di Mozart con amarene

Il cioccolato è parte di me, sa rendermi felice e adoro la sua magica consistenza.
Sono una purista, adoro quello fondente, quello al latte mi è sempre piaciuto da bambina ma con la "maturità del palato", ho capito che il cioccolato vero è, e rimane, quello nero.
Fondere, temperare, colare e lavorare il cioccolato sono attività che mi rendono serena e in pace col mondo, forse è per questo che adoro Knam, che è un mago del settore...

Chi segue da tempo il mio blog o mi conosce un pochino, sa che ho una passione sfrenata per la pasticceria dei paesi "germanofoni"... E  io vado matta per le Mozartkugeln (ovvero le palle di Mozart, che avevo fatto qui), i rinomati cioccolatini di Salisburgo fatti con marzapane, pistacchio e nougat (pasta di gianduia).
Ecco che allora i miei baci si sono declinati in una versione pseudo-austriaca con la presenza delle amarene che ci stanno, a mio parere ( ma mi piacerebbe sentire il vostro) alla perfezione... Provare per credere!

Tra poco è San Valentino, a mio marito ho scritto lettere e dedicato poesie in questi anni di vita insieme ma posso confessarvi sinceramente che è lui il mio cioccolato, colui che mi dona sorrisi e forza, che mi aiuta in ogni attimo a sentirmi meglio e proprio come per il cioccolato, di cui amo tutte le lavorazioni, provo per lui un amore grande, infinito!

BACI SINFONICI DI MOZART CON AMARENE

Per 15 baci

120 g di marzapane di Lubecca (una vera specialità tedesca, da provare)
15 amarene Fabbri sgocciolate e asciugate leggermente con della carta assorbente
20 g di pasta di pistacchio
15 di pasta di nocciola
200 g di cioccolato fondente al 50%

Ammorbidite la pasta di nocciola e la pasta di pistacchio, poi, aiutandovi con un cucchiaio, mescolatele al marzapane.
Impastate con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo.
Formate 15 palline e poggiatele su un foglio di carta forno.
Schiacciate la superficie delle palline leggermente con un dito per creare un piccolo incavo.
In questo incavo poggiate su ciascuna pallina un'amarena.

Per il temperaggio del cioccolato, mi sono attenuta alle info preziose di Annarita, in questo post,  
che vi riporto qui di seguito:

" Tritate il cioccolato fondente e fatelo sciogliere a bagnomaria, facendo attenzione, perché l’acqua NON DEVE entrare in contatto MAI con il cioccolato, altrimenti il cioccolato è da buttare. Consiglio di non far bollire l’acqua per evitare schizzi o sbuffi di vapore e di asciugare bene sotto il recipiente non appena si solleva dalla pentola sottostante. 

 Versate i 2/3 del cioccolato fuso su un piano di marmo, e con due spatole di metallo allargate il cioccolato e poi riportatelo al centro, ripetendo l’operazione 2/3 volte fino a quando cambia consistenza e diventa più viscoso. La temperatura in questo modo si abbassa velocemente fino a 27°/28°C

Attenzione a non formare grumi, il cioccolato alla fine deve essere liscio. Se dovesse succedere e fossero molti, fondere di nuovo. A questo punto rimettete il cioccolato nel recipiente con il restante terzo del cioccolato, che sarà ancora caldo. Mescolate bene con una spatola (non una frusta per non incorporare aria) per far risalire a temperatura di lavorazione, 31°C nel caso del cioccolato fondente. Misurate la temperatura con il termometro. Un grado in più è tollerato. Se la temperatura è ancora troppo alta si procede di nuovo a rovesciare un po’ di cioccolato, questa volta un po’ meno e si fa la stessa operazione. Se invece la temperatura fosse troppo bassa si scalda un pochino, se siete fortunati sarà salita a 31°C, altrimenti rifate l’operazione di raffreddamento.

 Quando il termometro vi dà 31/32°C il cioccolato è pronto all'uso."

Immergete una volta o due volte, i baci  nel cioccolato temperato e lasciateli solidificare su un foglio di carta forno.

Poi  prendete dei piccoli pirottini e se volete, confezionateli e regalateli a chi amate!
Sentirete che bontà!

Con questa ricetta partecipo all'MTC di febbraio


Tanti baci a tutti!
Ale

27 commenti:

  1. E' vero dopo un momento no si sa sempre apprezzare meglio il bello che ci offre la vita
    e i tuoi cioccolatini sono stuzzicanti

    Ciao Manu (nonostante l'ora tarda)

    RispondiElimina
  2. e ci sono pure io.... quanto mi ricordano le palle di Mozart assaggiate a Salisburgo anni fa...sarà sicuramente la presenza del marzapane...complimenti bella anche l'idea dell'amarena.
    Ne assaggerei volentieri uno anche subito! buonanotte!

    RispondiElimina
  3. Se nelle vere Mozartkugeln mettessero l'amarena a smorzare tutti gli altri sapori troooooppo dolci, farebbero davvero centro. Bellissima proposta.

    RispondiElimina
  4. Belli e sicuramente ottimi.
    L ' amarena ci sta benissimo me lo sento!
    Bravissima e bel temperaggio!

    RispondiElimina
  5. Alessandra, ma che dolce che sei. Tuo marito è fortunatissimo :) Ma sai chele palline di Mozart le provai a Vienna, ma non rimasi molto entusiasta: troppo dolci. Ecco perché sono convinta che l'amarena ci stia una meraviglia: col sapore acidulo riequilibra il dolce dolcissimo del marzapane :) Questi baci sono davvero fantastici :D

    RispondiElimina
  6. Anche io adoro in particolare il fondente, e i tuoi cioccolatini devono essere buonissimi e sono davvero belli e adattissimi per San Valentino :) complimenti e un bacione!!

    RispondiElimina
  7. Io amo i/le Mozartkugeln, credo siano i miei cioccolatini preferiti. Sarà che per me il marzapane è sempre stato la dolce copertura perfetta per una torta, sarà che sono pistacchio-dipendente, fatto sta che ne sono ghiotta eppure mai provati.
    Proverò i tuoi, ma ancor di più vorrei provare questi cioccolatini che, coronati da un'amarena, devono essere strabuoni!
    Un bacione e ti auguro (spero!!) una buona giornata!

    RispondiElimina
  8. Le Mozartkugeln sono state una piccola ossessione di quando ero ragazza e studiavo musica e Amadeus era il mio mito, la mia rockstar preferita. Ero talmente fissata che avevo praticamente tutto di lui, dalle matite con la sua firma ai quaderni, per non parlare ovviamente di tutta la sua opera musicale. Di riflesso i cioccolatini con il suo nome non potevano che essere qualcosa di irrinunciabile. Col tempo, l'amore per la sua musica è rimasto indiscusso, ma le famose palle hanno cominciato ad essermi stucchevoli, e anche se oggettivamente sono buone (ed io amo il marzapane, tantissimo), ed ho rivolto la mia attenzione altrove. Trovo invece che la presenza dell'amarena in questo connubio, dia freschezza all'insieme, rendendolo intrigante. Devo dire poi che sono bellissimi. Un grande abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  9. Sono d'accordo Ale, le amarene ci stanno una meraviglia, questi baci sono strepitosi, complimenti sei stata bravissima!!!
    Un bacione, buona giornata...

    RispondiElimina
  10. mmmm..a questo genere di cioccolatini non so proprio resistere...posso rubartene...mezzo chilo?! Eheheheh...;)
    Bacione stella

    RispondiElimina
  11. Che delizia, ne addenterei anche io un paio !

    RispondiElimina
  12. Con una dedica così, tuo marito può solamente sciogliersi...come il cioccolato...

    RispondiElimina
  13. Uh le palle di Mozart...uh Mozart...uh Salisburgo....riproporre queste atmosfere in un cioccolatino è stato un vero tocco di eleganza e raffinatezza. Questa versione dei baci, neanche a dirlo, mi piace moltissimo (pistacchio, nocciola e amarene) e la vorrei provare. Brava davvero Ale, sei speciale e su un tema simile sapevo avresti dato il meglio. Tuo marito è un uomo fortunato.

    RispondiElimina
  14. amarene, marzapane che altro si può desiderare di più per inebriarsi d'amore! Accoppiata veramente vincente, brava!

    RispondiElimina
  15. hai fatto una versione dei baci davvero speciale ma lo so che tu sei davvero brava:) anche io adoro il cioccolato e anche Knam:)
    spero che questi giorni vadano un po' meglio.
    ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  16. tu sei meravigliosa davvero meravigliosa. l'amore che si legge in questo post e che si assapora in queste dolci creazioni è qualcosa di splendido!
    Un abbraccio grande Ale!

    RispondiElimina
  17. Si vede che lavorare il cioccolato è la tua passione: questi baci sarebbero degni delle migliori pasticcerie austriache! Complimenti davvero!

    RispondiElimina
  18. sì anche secondo me amarene e cioccolato sono una coppia fantastica, come voi due :)
    sono incantata
    un abbraccio

    RispondiElimina
  19. golosissimi...goduria allo stato puro!!!Bravissima Ale, ti faccio i miei migliori complimenti:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  20. Ale ... tu davvero sei nata per viziare e coccolare le persone con le tue magnifiche creazioni! E' questa la tua strada ... e io voglio che tu non ti abbatta mai e mai e mai e ancora mai e ti devi sempre ricordare le manine che hai e le delizie che sei capace di realizzare! Ti abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
  21. che meraviglia!!! mio padre impazzirebbe, adoro i cioccolatini con le amarene ;)
    baci cara spero che le cose si siano sistemate

    RispondiElimina
  22. Me le ricordo le palle di Mozart, ma non avrei mai pensato che qualcuno facesse dei baci sinfonici. Tu li hai fatti e sono buonissimi!

    RispondiElimina
  23. Tuo marito è un uomo fortunato Ale, sei una persona unica e speciale... e spero proprio che vada meglio amica... mi stupisco come tu riesca a gestire e fare tutto, nonostante i problemi di salute e varie e per questo ti stimo ancora di più. :* anch'io ho preparato baci... ma i miei sono classici... devo assolutamente reperire questo marzapane di Lubecca.. domani pomeriggio diretta da Castroni... sono stupedi:* un abbraccio grandissimo:)

    RispondiElimina
  24. Ale sei una vera fatina dei dolci, hai creato dei cioccolatini belli da vedere e buonissimi...uomo fortunato la tua dolce metà.

    RispondiElimina
  25. che dolce sei!! bellissimi i tuoi cioccolatini, un bacio a te

    RispondiElimina
  26. Bellissima idea! I baci alla Mozart!! Buonissimi, con l'amarena e il marzapane.. Un gusto unico!

    RispondiElimina
  27. Credevo di essere l'unica "folle" che andasse a Lubecca a comprare il marzapane... e che ogni volta si regala un pranzo nella pasticceria, con tanto di visita al museo, al piano di sopra. Ho persino il té al marzapane di Lubecca, per dirti quanto sono malata: e anche se so che è un'eresia, qui in Italia, lo trovo migliore di quello siciliano. Al mio palato, sia chiaro: ma è meno dolce, meno oleoso, molto più duttile, per le preparazioni di pasticceria: quindi, ti lascio immaginare quanto mi piacciano questi tuoi baci sinfonici: mi sarebbe bastato solo il ripieno, semplicemente. Ma se poi ci aggiungi l'amarena e le paste di pistacchio e nocciola... mai sentito parlare di attentati? brava, brava, bravissima!

    RispondiElimina

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.