martedì 17 giugno 2014

Panna cotta al bergamotto con banane à la martiniquaise

Dicono che ognuno di noi abbia un senso più sviluppato rispetto agli altri...
Il mio è di sicuro l'olfatto...sono molto sensibile ai profumi e riesco a distinguerli anche a distanza.
Non per niente mio marito mi soprannomina scherzosamente " cane da tartufo"...
Annuso spontaneamente con acuta attenzione ciò che mi circonda e adoro sentire i profumi che mi piacciono nell'aria, mi rendono serena.
Pensate che adoro spruzzarmi qualche goccia del mio profumo preferito prima di andare a dormire, mi dona una sensazione di relax totale.
E quest'olfatto si riversa anche nella mia cucina, mi piace accostare sempre profumi, essenze e spezie tra loro per creare un mix piacevole.
Oggi vi propongo una panna cotta quasi "caraibica", che profuma di bergamotto, banana, lime, rhum e vaniglia...un viaggio dei sensi, proprio come suggerisce il contest a cui partecipo!
Da buona calabrese, io amo il bergamotto. Ha un profumo unico, speciale e in questa panna cotta ci sta divinamente, provare per credere.
La banana così aromatizzata poi è fantastica.
Da una ricetta proveniente dalle Antille francesi, ho cercato di fondere il sapore italiano della panna cotta a quelli dell'Isola di Martinica.
Un viaggio sensoriale assolutamente imperdibile...

PANNA COTTA AL BERGAMOTTO CON BANANE À LA MARTINIQUAISE
 
Per 4 stampini
 
200 ml di latte intero
200 ml di panna fresca
1 bergamotto
30 g di zucchero
2 fogli di colla di pesce
2 banane mature
la polpa di un baccello di vaniglia
3 cucchiai di rhum
3 cucchiai di succo di lime
2 cucchiai di zucchero
40 g di burro
 
Il giorno prima procedete così: grattugiate finemente la scorza del bergamotto e mettetela in un barattolo di vetro. Aggiungete nel barattolo 150 g di zucchero semolato e mescolate il tutto.
Lasciate riposare per almeno 24 ore in modo tale che la scorza del bergamotto rilasci il suo olio essenziale nello zucchero.
Il giorno dopo prelevate la quantità che vi serve per la preparazione della vostra panna cotta.
Lo zucchero aromatizzato avanzato, potrete utilizzarlo per la preparazione di altri dolci molto profumati.
Fate ammollare per circa 10 minuti la colla di pesce.
In un pentolino scaldate la panna e il latte, aggiungete lo zucchero al bergamotto e a fuoco bassissimo, fate profumare il tutto per qualche minuto.
Strizzate la colla di pesce e unite alla crema di latte e panna.
Versate il composto in 4 stampini e non appena sarà raffreddato, mettete in frigo per almeno 3-4 ore.
Tagliate le banane a metà nel senso della lunghezza, disponetele in una pirofila bagnatele con il lime, fondete il burro e unite lo zucchero versandolo sopra le banane.
Unite infine il rhum e la polpa di vaniglia.
Fate cuocere in forno per circa 15 minuti a 200°.
Al momento di servire, estraete la panna cotta dallo stampino e mettetela nel piatto insieme alla banana.
Io ho tagliato successivamente a tocchetti e ho decorato con baccelli di vaniglia.
 
 
Una vera squisitezza!
 
 
Le mie amiche Yrma e Alice l'hanno assaggiato e hanno detto che era buonissima!
Lascio a voi il giudizio se la proverete!
 
E voi, avete un senso più sviluppato? E se sì, qual è?
Dai, ditemi che sono curiosa!

Con questa ricetta partecipo al contest di Sabrina "Un viaggio...di sensi"

 
 
Vi auguro una felice giornata!
Ale.
 

16 commenti:

  1. Ciao Carissima
    Vorrei assaggiare questa meraviglia!!!!!! Un dessert molto originale...
    Brava. I bimbi???? Tutto bene???
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
  2. Ciao Ale! Sono piacevolmente sorpresa! Un dolce davvero interessante, oltre che pieno di sapori. Mi piace molto, una ricetta molto ricercata. Da provare assolutamente.
    Grazie per il tuo contributo, molto apprezzato.
    In bocca al lupo.

    Sabrina

    RispondiElimina
  3. Ma che dolce carino... saporito e originalissimo... vi ho viste su FB... bellissime!!! Un bascione!

    RispondiElimina
  4. Golosa ed esotica questa panna cotta!!

    RispondiElimina
  5. Cosa posso dire davanti a una simile panna cotta?! La combinazione di ingredienti la adoro, l'aspetto è fantastico e la mangerei subito! L'unica cosa che ti invidio è l'olfatto. Da quando mi sono fatta male al naso da bambina purtroppo sento malissimo gli odori.
    Beata te che ti puoi gustare le cose sia con gli occhi che con il naso!
    Un abbraccio
    Giudy

    RispondiElimina
  6. sei proprio fenomenale, la fantasia non ti manca per niente, ma come fai ad avere tale carica???In questo momento le mie batterie devono essere ricaricate, non riesco piu' a pensare, sogno solo il mare!!!Ricetta fantastica, vorrei assaggiarne una cucchiaiata!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  7. Woow...il mio olfatto fa pietà, in verità non è colpa sua ma del mio naso perennemente occluso da riniti, sinusiti ecc
    Però ho un udito da paura e l'abilità di seguire senza perdermi almeno 5-6 conversazioni in contemporanea.
    Questo dolce è favoloso, un dessert che fa risvegliare i sensi, complimenti!!!
    buona serata cara un mega abbraccio

    RispondiElimina
  8. davvero golosa complimenti!!! Un bacio cara

    RispondiElimina
  9. originale, buonissima e meravigliosamente invitante:)) bravissima come sempre, complimenti:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  10. Ciao dolcissima Ale..sono rientrata da poco in Italia e passo x un saluto veloce. Non sono ancora attiva come vorrei sul mio blog ma un saluto non potevo non passare a lasciartelo <3
    A prestissimo!

    RispondiElimina
  11. Ale, un mix di profumi e sapori davvero incredibile, questa panna cotta è una vera delizia... brava!!!
    Bacioni...

    RispondiElimina
  12. Ricetta deliziosa e visto che ho avuto la fortuna di assaggiarla posso dire che è a tutti gli effetti un armonia di profumi delicatissimi ed inebrianti! Un abbraccio
    Alice

    RispondiElimina
  13. Fantastico dolce Vale! Ci invoglia a provare proprio per lasciarci avvolgere da aromi e e profumi meravigliosi. Ma quante dolcezze ci regali cara? Bacioni grandi

    RispondiElimina
  14. Ale, sto riflettendo su ciò che hai scritto a proposito dell'olfatto... è un senso molto trascurato, forse il più sdegnato di tutti e invece è importantissimo, perché è legato alla nostra componente più primordiale e invia al cervello stimoli "puri", non codificati. Da oggi la mia missione sarà svilupparlo, magari partendo proprio da un concentrato di profumi seducenti ed evocativi come questi...

    RispondiElimina
  15. Quasi riesco a sentirne il profumo.... ecco quasi....quanto vorrei averla adesso qua davanti, così, giusto per capire se ho sentito giusto... ;)
    Adoro!

    RispondiElimina
  16. Ricco di sapori, intrigante e raffinato.
    Come te tesoro bello ... scrivo sempre le stesse cose, ma ogni volta che vengo a trovarti mi susciti la stessa ammirazione!
    Tvb tesoro mio

    RispondiElimina

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.