sabato 29 dicembre 2012

I tardilli della nonna, memorie e postumi di un Natale movimentato...

Buonasera a tutti, vi chiedo scusa per la latitanza di questi ultimi giorni ma sono stata travolta dall' "uragano" natalizio...quest'anno è stato un Natale impegnativo: ho cucinato dal 24 pomeriggio fino alla cena di ieri per ben 13 persone...inutile dirvi che sono a pezzi ma allo stesso tempo contenta e soddisfatta  perché é stato un incredibile successo!
Nei prossimi giorni vi parlerò delle mie ricette top: grande spazio é stato ovviamente riservato ai dolci, che non ho fatto mancare ai miei ospiti...
Oggi vi mostro l'immancabile "dolcezza" della mia tavola natalizia di ogni anno: i tardilli!!!!
Conosciuti come struffoli partenopei, i tardilli sono la versione calabrese di questo dolce natalizio d.o.c.
Ricordo mia nonna che li preparava qualche giorno prima di Natale, se chiudo gli occhi riesco a sentirne ancora il profumo e il meraviglioso sapore...noi nipotini attendevamo impazienti l'arrivo del Natale per mangiare la delizia in questione.
Piccole palline di pasta fritte in abbondante olio, successivamente inondate da un mare di miele e zucchero e terminate con della monperiglia coloratissima (che mia nonna in dialetto chiamava annissetti)...
Un dolce di davvero facile esecuzione fatto di pochi e semplici ingredienti ma di un gusto ineguagliabile!

Un abbraccio forte a te nonna, che sei lassù...
TARDILLI CALABRESI
Ingredienti

500 g di farina
4 uova
50 g di zucchero
60 g di burro ammorbidito
mezzo bicchiere di vino bianco
scorza di limone
scorza di mandarino
abbondate olio per friggere
400 g di miele millefiori e acacia Peterlini 
monperiglia colorata

Formate la fontana con la farina, aggiungete le uova nell'incavo, il burro, lo zucchero, la scorza di agrumi, il vino ed una presa di sale. Impastate il tutto e formate un impasto omogeneo, fate una palla e lasciate riposare per mezz'ora.
Trascorsi i 30 minuti ricavate dall'impasto dei serpentelli  del diametro di 2-3 centimetri. Taglaiteli a tocchetti non troppograndi e friggeteli nell'olio caldo. Scolateli non appena dsi saranno dorati.
In una pentola a parte scaldate il miele con un cucchiaio di zucchero e fino a che il miele non si sia liquefatto.
A questo punto immergete i tocchetti (scolati e passati in un piatto con della carta assorbente) nel miele caldo, ponete su un piatto per dolci e fate raffreddare.
Decorate con monperiglia a piacere!

Se non ci sentiamo prima del 31, vi auguro un felice Anno Nuovo!

Un abbraccio e a presto,
Ale.

martedì 25 dicembre 2012

Ancora biscottini e ancora una volta AUGURI...

Quando arriva il Natale, la "biscomania" infetta tutti...me compresa! Quest'anno, a differenza degli altri anni, ho avuto poco tempo a disposizione per preparare per tutti dei regalini homemade golosi...ma non ho eliminato del tutto la tradizione e i biscottini natalizi nei sacchetti trasparenti non sono mancati...Cosa ne pensate di questi?
Sono dei biscotti al burro con ghiaccia reale...colorati, allegri, festaioli!
BUTTERPLÄTZCHEN MIT KÖNIGLICHE ZUCKERGLASUR ( biscotti al burro con ghiaccia reale)

Per 40 biscotti circa

300 g di farina
200 g di burro
100 g di zucchero
1 uovo
mezzo cucchiaino di lievito

per la ghiaccia
2 albumi di uova pastorizzate
circa 400 g di zucchero a velo
coloranti in gel o in polvere

Impastate gli ingredienti fino a formare una frolla morbida ma consistente, avvolgete l'impasto con della pellicola e mettendo 1 ora nel frigo per fare riposare.
Nel frattempo preparate la glassa montando a neve fermissima gli albumi e in seguito aggiungete gradatamente lo zucchero a velo. Otterrete una glassa corposa, coloratela a vostro piacimento, la glassa risulterà pronta se il composto colando tenderà in pochi secondi a solidificarsi.
Infornate i vostri biscottini a 180° per circa 15 minuti, non dovranno colorire troppo!
Decorate velocemente i biscotti con la glassa e secondo la vostra fantasia decorate con perline, campanelle di zucchero, monperiglia, codette, ecc.
 Vi auguro un dolce e sereno Natale!
So this is Christmas
And what have you done
Another year over
And a new one just begun
Ans so this is Christmas
I hope you have fun
The near and the dear one
The old and the young

A very merry Christmas
And a happy New Year
Let's hope it's a good one
Without any fear
And so this is Christmas
For weak and for strong
For rich and the poor ones
The world is so wrong
And so happy Christmas
For black and for white
Vi abbraccio,
Ale.

sabato 22 dicembre 2012

Nürnberger Vanillekipferl e Buon Natale

Allora ci siamo quasi??? Sembra proprio di sì, mancano soli 3 giorni a Natale...
Avete già architettato il gran menù del cenone? Avete comprato tutti i regali? Io sì e ne sono felice!
Ho fatto dei piccoli pensierini utili e spero siano graditi.
Nel frattempo continuo a pasticciare e a deliziare i miei dolci suoceri.

Oggi vi presento i biscottini tipici del Natale tedesco e anche altoatesino: i Vanillekipferl, tipici di quella città meravigliosa che é Norimberga, magica durante il periodo natalizio e splendida comunque durante tutto l'anno... Una città che ho avuto la fortuna di girare parecchio quell'anno in cui vivevo in Baviera e il Weihnachtsmarkt (mercatino di Natale) mi lasciò a bocca aperta...
NÜRNBERGER VANILLEKIPFERL

300 g di farina
250 g di burro morbido
125 g di zucchero
3 tuorli
125 g di mandorle pelate e tritate finissime
40 g di zucchero vanigliato
1 baccello di vaniglia
mix di zucchero semolato e zucchero a velo da spolvero

Lavorate lo zucchero, il burro, la farina, i tuorli, lo zucchero vanigliato e le mandorle fino ad ottenere una frolla morbida.
Fate riposare l'impasto un'ora nel frigo e al termine del riposo formate dei cornetti che disporrete sulla placca in forno caldo a 180° per circa 15 minuti. Nel frattempo incidete il baccello e mettetelo nel mix di zuccheri.
Una volta cotti, tuffate i biscotti ancora caldi nello zucchero...
Sono divini! Ed ecco una foto che rievoca in me ricordi fantastici, era il 2007 e  l'atmosfera natalizia da quelle parti sembra come nei film: perfetta!
Nürnberger Christkindlesmarkt (immagine presa dal web)
Se non dovessi riuscire a postare altro prima di Natale, vi chiedo scusa e con l'occasione vi auguro

  Buon Natale!

Che sia sereno, gioioso e felice, senza pensieri per la testa ma con allegria, sorrisi e tanto amore!
Auguri dalla vostra
Ale

giovedì 20 dicembre 2012

Cake profumato alle carote, farina di mais bianco e panna montata

Il bello delle feste è anche che si abbonda con i dolci e dato che ho ospiti, approfitto per pasticciare in continuazione, anche se ho veramente pochissimo tempo...
Il cake che vi presento oggi è gluten free, di una leggerezza incredibile nella consistenza, una nuvola dolce e delicata.
La farina di mais che ho utilizzato l'ho comprata per curiosità e devo dire che è fantastica...è farina di mais bianco e rende i dolci davvero morbidissimi, inoltre ultimamente ho una specie di fissazione per i dolci con la panna nell'impasto e devo dire che questa volta con la panna montata ha riscosso un successone incredibile!
CAKE PROFUMATO ALLE CAROTE, FARINA DI MAIS BIANCO E PANNA MONTATA (gluten free)

Ingredienti

3 uova
200 g di zucchero vanigliato homemade ( ho preso un baccello di vaniglia, l'ho inciso e l'ho fatto riposare in 500 g di zucchero per qualche giorno)
3 carote medie tritate
150 ml di panna fresca montata
scorza di due clementine Kitrinos
100 g di farina di mais bianco
90 g di amido di mais
1 bustina di lievito per dolci
150 ml di olio di semi

Lavorate le uova con lo zucchero in una terrina per circa 2-3 minuti, l'impasto sarà molto cremoso e di colore chiaro. Aggiungete la panna montata , la scorza delle clementine e il sale. unite la farina di mais e l'amido setacciati, le carote grattugiate e infine il lievito. Il composto sarà denso e corposo, aggiungete come ultimo ingrediente l'olio a piccole dosi.
Infornate a 180° per circa 40 - 45 minuti.
NB. Lasciate raffreddare bene prima di estrarre dallo stampo il dolce, essendo molto morbido, rischiereste di romperlo.
Servite spolverizzandolo con dello zucchero a velo.
Questo dolce è una favola...i suoceri, ancora una volta, erano entusiasti!!!
Con questa ricetta partecipo al contest Dolce Mais di Molino Chiavazza
Vi auguro una dolce notte,
Ale.

domenica 16 dicembre 2012

Panna cotta all'arancia e vaniglia con salsa al caramello e aggiornamenti...

Cosa c'è di meglio se non terminare il pranzo della domenica con un dolce morbido, cremoso e profumato??? I miei suoceri stanno gustando le mie ricettine e questa panna cotta oggi li ha davvero conquistati...
PANNA COTTA ALL'ARANCIA E VANIGLIA CON SALSA AL CARAMELLO

Per circa 12 stampini

750 ml di panna fresca
250 ml di latte intero
250 g di zucchero
6 fogli di colla di pesce ammollati in acqua fredda
un baccello di vaniglia
scorza grattugiata di un'arancia
topping al caramello Loconte

Scaldate in un pentolino il latte e la panna insieme al baccello di vaniglia inciso e la scorza d'arancia.
Dopo qualche minuto aggiungete lo zucchero e mescolando e continuando a scaldare la crema senza far prendere bollore. Strizzate la colla di pesce e aggiungetela al composto mescolando bene.
Versate la panna cotta  negli stampini e riponeteli in frigo per almeno 3 ore.
Al momento di servire, immergete il fondo degli stampini in acqua calda, sformate la panna cotta e servite col topping.
Topping al caramello Loconte
Un dolce da leccarsi i baffi...e il cucchiaino!!! :)

Com avrete notato, ho iniziato da qualche giorno una nuova collaborazione con una fantastica azienda: Loconte , specializzata nel settore dei cereali e con una vastissima scelta di farine speciali e specifiche.
Attento alle intolleranze, Gruppo Loconte produce farine gluten free e prive di grano, in modo da soddisfare anche i palati più difficili. Inoltre una grande linea é dedicata alla decorazione di dolci e dessert.
Garanzia di qualità: grazie Loconte!
 **********************************************************************
Prima di augurarvi buonanotte, volevo informarvi che il mio contest é terminato alla mezzanotte di ieri, ho ricevuto ben 33 ricette e ne sono contentissima... volevo ringraziare tutti le partecipanti, siete state meravigliose! Presto, con l'ausilio di Ylenia, vi aggiornerò sul nome delle vincitrici, pertanto rimanete sintonizzate!
                        GRAZIE DI CUORE!!!!!!                           

Una dolce notte,
la vostra Ale.


venerdì 14 dicembre 2012

Cioccolata calda multiuso al profumo di clementine

Ragazzi...che freddo! Avete voglia di una cioccolata calda, facile facile e soprattutto profumata?
Allora questa fa al caso vostro...
L'idea mi è venuta guardando questa e dato che adoro gli agrumi di Kitrinos ho ben pensato di profumarla con scorzetta di clementina...è di una delizia assoluta!!!
Ringrazio Fabiola per avermi dato questo spunto!
 CIOCCOLATA CALDA MULTIUSO AL PROFUMO DI CLEMENTINA

Dosi per 2 tazze
2 cucchiai di cacao amaro
1 cucchiaio di fecola di patate o amido di mais
2 cucchiai di zucchero
250 ml di latte intero (intero pero')
scorza di clementine Kitrinos

Mescolate in un pentolino lo zucchero, la fecola e lo zucchero formando una polvere omogenea, aggiungete gradatamente il latte e accendete il fuoco. Mescolate continuamente fino a che il cucchiaio di legno non si veli di bianco.
Fate addensare leggermente e spegnete il fuoco.
Versate nelle tazze e grattugiate la scorza di clementine in superficie.
ps. Se lasciate addensare la cioccolata di più, otterrete una crema ideale per farcire torte e dolci...fidatevi! A breve vi farò vedere per cosa ho utilizzato questa ricetta.
Stay tuned!

Prima di lasciarvi, vi posto un'altra foto del mio albero con gli auguri per tutti voi:

A presto,
la vostra Ale

giovedì 13 dicembre 2012

OLEIFICI MATALUNI, TIROCINI FORMATIVI PER I TALENTI DEL DIGITALE


OLEIFICI MATALUNI, TIROCINI FORMATIVI PER I TALENTI DEL DIGITALE

Lo stage aziendale offrirà a giovani laureandi la possibilità di formarsi e specializzarsi nell’Area Digital

 

 

Giovani, creativi e nativi di internet è il profilo degli studenti universitari che avranno la possibilità di svolgere un tirocinio formativo nell’Area Digital degli Oleifici Mataluni di Montesarchio (Benevento).

Dopo aver aderito al progetto “Io merito…un’opportunità” - ideato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Benevento, in collaborazione con la Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università degli Studi del Sannio - gli Oleifici Mataluni accoglieranno in azienda cinque giovani laureandi dell’Ateneo sannita, che avranno l’opportunità di analizzare ed ideare progetti social destinati ad aumentare il grado di interattività delle pagine facebook di Olio Dante e Olio Condisano.

E’ già tempo, dunque, di lasciarsi alle spalle i banchi di scuola e di passare dietro alla scrivania per Anna Maria De Stefano, Consiglia Sebastianelli e Dario Sistini, iscritti alla Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali (indirizzo Manageriale), che hanno partecipato al corso di Social Media Marketing curato dalla Prof.ssa Giuliana Saccà, Docente di Marketing Territoriale.

Proprio recentemente, i tre universitari si sono classificati al secondo posto in occasione del XXIV Premio Marketing Edizione 2012, prestigiosa competizione organizzata dalla Società Italiana di Marketing, che ogni anno si rivolge ai laureandi in Economia per valutare i migliori piani marketing su casi aziendali reali. E non solo.

Sempre nell’ambito della nuova strategia comunicativa dedicata a social network e web 2.0, gli Oleifici Mataluni affiancheranno gli stagisti Antonello D’Avino ed Ester Porciello, laureandi del Corso in Economia e Commercio dell’Università degli Studi di Benevento (indirizzo Aziendale), e Donatella Zampelli, iscritta al Master in Comunicazione Multimediale dell’Enogastronomia dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e del Gambero Rosso.

L’obiettivo - spiega Vincenzo Mataluni, Amministratore Delegato degli Oleifici Mataluni - è proprio quello di istituzionalizzare il rapporto tra mondo universitario e mondo economico, finalizzato a creare opportunità concrete per studenti meritevoli, e a formare nuove professionalità nel campo digitale. I giovani rappresentano la nostra prima risorsa. Basti pensare che la media di età in azienda è di 29 anni su circa 200 dipendenti, scendendo fino a 26 anni se ci riferiamo solo agli uffici. I social network - conclude Mataluni - sono decisivi per ringiovanire il nostro target, interagire con i consumatori e condividere i nostri valori in rete, creando una vera e propria comunità virtuale attraverso nuovi linguaggi e strumenti innovativi che solo i nativi digitali sanno intercettare e interpretare”.

Continua, dunque, la politica di valorizzazione dei giovani del territorio che contraddistingue da sempre gli Oleifici Mataluni. Dopo aver siglato una convenzione con il Centro per l’Impiego della provincia di Benevento per l’inserimento di 11 neodiplomati e dopo aver partecipato al MeetJob 2012, selezionando tre studenti del corso di laurea in Tecnologie Viticole, Enologiche, Alimentari dell'Università di Oristano per un tirocinio ad alto contenuto di specializzazione nella Divisione Ricerca e Sviluppo, gli Oleifici Mataluni hanno confermato anche l’adesione al bando promosso dalla Regione Campania sui dottorati di ricerca in azienda, che incontrano l’esigenza di ricerca del mondo accademico e la necessità di innovare e di essere maggiormente competitivi delle industrie.


 

martedì 11 dicembre 2012

Plumcake marmorizzato e glassato ai frutti di bosco

Buongiorno miei cari, come state??? Lo so, sto facendo la cattivella: sono un po' latitante in questi giorni ma come ben sapete, ho i suoceri in casa e non vorrei mi considerassero pazza nel vedermi fotografare cibo di ogni tipo come invece solitamente faccio... :)

Scherzi a parte, il problema è che ho veramente pochissimo tempo per me,  dato che lavoro, ho la bimba , un compagno e ora anche due suoceri da dover ospitare come si deve...

Chiedo scusa a Giulia, amica blogger, la quale mi ha chiesto una foto del mio heisse liebe e non ho ancora avuto modo di pubblicarla...prometto che esaudirò a breve il tuo desiderio!!!
Oggi vi faccio vedere come ho utilizzato parte della mia gelatina ai frutti di bosco...ho preparato un plumcake "simil marmorizzato" e glassato ai frutti di bosco: non vi dico che successone ha fatto!!!
I miei suoceri lo hanno spazzolato nel giro di un giorno...
E voi che aspettate a provare? Non ve ne pentirete...
 PLUMCAKE MARMORIZZATO E GLASSATO AI FRUTTI DI BOSCO

Per la torta:

3 uova
150 g di zucchero
scorzetta di limone
zucchero vanigliato
200 g di farina
150 ml di panna da cucina
100 ml di yogurt cremoso naturale
100 ml di olio di semi
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale

per la glassa:

zucchero a velo q.b.
qualche cucchiaio di gelatina ai frutti di bosco, la ricetta è QUI

Sbattete le uova con lo zucchero (circa 2 -3 minuti) fino a che non siano spumose, aggiungete la scorza di limone, lo zucchero vanigliato, il pizzico di sale e montate ancora. Aggiungete lo yogurt, la panna, la farina e l'olio. Infine incorporate per ultimo il lievito.
Mettete parte dell'impasto nello stampo imburrato e infarinato e alternate con qualche cucchiao di gelatina in modo da ottenre un effetto leggermente marmorizzato. Alternate con altro impasto e altre cucchiaiate di gelatina.
Infornate a 180° per circa 35 minuti.
Sfornate il cake e lasciate raffreddare.

Preparate la glassa mescolando dello zucchero a velo con qualche cucchiaio di gelatina ai frutti di bosco cercando di ottenere una glassa densa.
Glassate il dolce e fate solidificare.
E' di una morbidezza incredibile... e di un gusto meraviglioso! Vedete che all'interno ha delle piccole venature viola????

Vi ricordo che il mio contest scade sabato 15.12 , pertanto affrettatevi e ricordatevi di mandarmi le vostre proposte...vi aspetto!

Una dolce buona serata a voi,
Ale.

sabato 8 dicembre 2012

L'arte del riciclo in cucina: gelatina "express" ai frutti di bosco

Probabilmente molte di voi lo conoscono già: l' Heisse Liebe, vero? Per chi non lo conoscesse è un dessert tipicamente altoatesino composto da palline di gelato alla vaniglia affogate nei lamponi caldi:una vera goduria!!!
L'altra sera mi era venuta voglia di mangiarlo e, non avendo trovato i lamponi freschi (in effetti siamo nel mese di dicembre), ho dovuto acquistare i frutti di bosco surgelati ( che prima d'allora non avevo mai provato!).
Ho scaldato in un pentolino un po' di frutti, ho messo del succo di limone e qualche cucchiaio di zucchero  e fatto sobbollire per qualche minuto. Al momento di servire mi sono accorta che, oltre ai frutti, nel pentolino c'era una grande quantità di succo, rilasciato durante la cottura. Era davvero troppo per metterlo nelle coppe da gelato e allora mi sono decisa a filtrarlo e a preparare una gelatina "express"...
GELATINA "EXPRESS" AI FRUTTI DI BOSCO
Per un barattolo da marmellata

200 ml di succo filtrato di frutti bosco
il succo filtrato di un limone Kitrinos
250 g di zucchero

Mettete il succo in un pentolino dai bordi alti e scaldatelo un po' con il succo di limone e 50 g di zucchero. Aggiungete delicatamente lo zucchero rimanente continuando a mescolare e far sobbollire per circa 15 minuti fino a che lo zucchero non si sia completamente sciolto nel succo.
Versate in un vasetto di vetro e conservate in frigo e consumate entro qualche giorno, ovviamente potrete usare la tecnica del sottovuoto per conservarla per lunghi periodi.
La versatilità di questa gelatina è davvero incredibile e nei prossimi giorni capirete perché...quindi,  stay tuned!!!
 Prima di lasciarvi, ci tenevo a farvi vedere la foto del mio albero: vi piace??? La mia piccola impazzisce quando lo guarda...

Vi auguro un sereno weekend, qui è tutto bianco!!!
Buona festa dell' Immacolata!

Notte,
Ale.


venerdì 7 dicembre 2012

Riflessione sul Natale e le cipolline in agrodolce...

Salve a tutti cari amici e bentrovati...l'atmosfera natalizia impazza dappertutto ma specialmente qui!
Vivere in una città come Bolzano è come vivere nel paese delle meraviglie in questo periodo...il freddo che è arrivato ricorda molto quello della Lapponia, il mercatino di Natale accoglie ogni giorno numerosi turisti e il traffico allucinante nel weekend segnala che lo shopping "matto" è iniziato...
Adoro le feste e ammetto di essere stata anch'io una di quelle shopping-addicted durante il periodo natalizio qualche anno fa...ma ora è diverso!
Essere diventata mamma mi ha fatto capire tante cose e mi ha fatto riscoprire il valore della famiglia e della semplicità ( non che prima questo valore non facesse parte di me, attenzione!)...
Probabilmente ora apprezzo di più una serata in famiglia piuttosto che una serata al pub con gli amici e sapete perché? La famiglia è chi ti sta accanto da quando sei nato e ti conosce meglio di qualsiasi altro..
Io ho un bellissimo rapporto con tutti in famiglia e ciò mi rende serena, d'altro canto mia figlia ha dei nonni e degli zii splendidi che la adorano..
Quest'anno il nostro Natale sarà davvero "numeroso": oltre a me, il mio compagno e la mia cucciola ci saranno mia mamma, mio papà, mia sorella, mio fratello, il ragazzo di mia sorella, la ragazza di mio fratello,mia zia dalla Calabria con mio zio e la mia cuginetta Giorgia e i miei suoceri venuti dall'estero...
Sono sicura che trascorreremo delle giornate indimenticabili tra grandi manicaretti e giochi divertenti!
E voi come festeggerete???
Grazie famiglia!
***************************************************************
La ricetta che vi presento oggi è un contorno o  antipasto sfizioso, semplice e gustoso!

CIPOLLINE IN AGRODOLCE
Per 4 persone

500 g di cipolline pelate
50 ml di aceto balsamico Monari Federzoni
1 noce di burro
2 cucchiai di zucchero

Lavate le cipolline. Fate fondere il burro in una padella e aggiungete piano piano lo zucchero.
Dopo qualche minuto aggiungete l'aceto e fate caramellare per un paio di minuti. Aggiungete le cipolline.
Coprite la padella con un coperchio per i primi 10 minuti, poi laciate cuocere le cipolline a fuoco moderato per circa mezzora, mescolando di tanto in tanto.
L'abbinamento perfetto è con della carne ma potete servirlo anche come antipasto!
Notte, 
Ale.

giovedì 6 dicembre 2012

Un piccolo pensiero per Vaty e promemoria...

Questo post oggi non propone alcuna ricetta...desidero lasciare un piccolo pensiero alla mia amica blogger Vaty!!!

"E' vero, sì, la conosco da poco...ma la trovo una persona speciale, elegante, raffinata ma al tempo stesso semplice e di grande fascino...proprio come il suo blog!
Una donna gentile e amichevole, dolce e carina...
Spero di poter avere la possibilià di conoscerti dal vivo un giorno, ne sarei davvero felice!
Ti auguro tutto il meglio a te e alla tua dolce piccola Sofie che mi ha letteralmente lasciato senza fiato: è bellissima come la sua mamma!
Ti abbraccio!"
Ale

Con questo post partecipo al giveaway di Vaty

concorrendo per le candeline segnaposto, le trovo davvero romantiche!

*****************************************************
Prima di lasciarvi volevo ricordarvi nuovamente il mio contest aperto fino al 15.12, vi aspetto con le vostre magnifiche proposte, non mancateeeee!


Notte a tutti voi,
Ale.

mercoledì 5 dicembre 2012

Torta delizia esotica

Salve a tutti, rieccomi qui, torno abbastanza velocemente ( data l'ora) mentre scrivo sono le 01:52 e la stanchezza inizia a farsi sentire... I suoceri sono arrivati e stanno bene, ho iniziato da subito a deliziarli con i miei manicaretti sin da ieri e sono contenti, la piccola sta molto meglio e io sono sempre più stanca!
Stanca sì , ma mai di spadellare...cucinare è per me fonte di relax e possibiltà di sfogo creativo!
La torta che vi presento stasera è davvero golosa e ha fatto un successone: l'ho preparata in occasione del compleanno di Marco, fidanzato di mia sorella, il quale ha compiuto gli anni qualche giorno fa...
La ricetta si ispira molto a questa ( di cui lui continuava a chiedermi la replica) ma questa è una versione secondo me "perfezionata" ( anche se non più lactose free) in quanto a consistenza e gusto: mi credete se vi dico che è fantasticamente deliziosa???
L'ho denominata esotica perché racchiude in se' profumi di Sudamerica tra cocco, banana e latte condensato...Voi che ne pensate? Non vi resta che provarla!
TORTA DELIZIA ESOTICA
Ingredienti per una torta di diametro di 20 cm:

Per la torta:

3 uova
150 g di zucchero
scorzetta di limone
200 g di farina
2 banane mature schiacciate
200 ml di yogurt greco
100 ml di olio di semi
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale

Per la crema:
100 g di yogurt cremoso bianco
100 g di latte condensato
1 cucchiaio di zucchero a velo
3 cucchiai di farina di cocco

Per la ganache
150 g di cioccolato bianco
3 cucchiai abbondanti di panna

cocco grattugiato
scaglie di cioccolato fondente (facoltative)

Preparate la torta: sbattete le uova con lo zucchero (circa 2 -3 minuti) fino a che non siano spumose, aggiungete la scorza di limone, un pizzico di sale e montate ancora. aggiungete lo yogurt, la farina e l'olio. Infine incorporate le banane e per ultimo il lievito. Infornate a 180° per circa 35 minuti.
Sfornate la torta e lasciate raffreddare.
Preparate la crema lavorando gli ingredienti con la frusta, lasciate rapprendere un po' per circa 30 minuti in frigo.
Tagliate la torta in due dischi e farcitela.
Nel microonde ho fatto fondere il cioccolato bianco e poi unito velocemente la panna ottenendo una crema lucida, densa e corposa.
Distribuite con una spatola la ganache e infine terminate con del cocco grattugiato e delle scagliette di cioccolao fondente.
Carta sullo sfondo Star Pennsylvania
 Con questa ricetta partecipo al contest La mia torta di Zucchero & Farina

e al contest Sweet birthday del blog Kucina di Kiara


Vi auguro una notte dolcissima!
Ale.


lunedì 3 dicembre 2012

Un appetizer per le feste: crostini di pane casereccio alla rillette di tonno al pomodoro con tartare di prosciutto saltato

Buonasera a tutti, vi chiedo scusa in anticipo se non sono ancora riuscita a rispondere ai vostri commenti del mio post precedente...la verità è che domani sono in arrivo da me per un mese i suoceri dall'estero e quindi ho rimesso a posto casa per poterli ospitare, vi chiedo scusa se vi trascurerò...ma cercherò di farmi perdonare e di venirvi a trovare comunque!
Quella che vi propongo stasera è una ricettina golosa, semplice ma un appetizer finger food molto sfizioso per le feste, si tratta di crostini di pane casereccio con della deliziosa rilette di tonno e pomodori con una "simil tartare" di prosciutto appena saltato in padella: una vera delizia! * Vi chiedo scusa per l'errore ortografico in foto rilette anziché rillette!!!
CROSTINI DI PANE CASERECCIO ALLA RILLETTE DI TONNO E POMODORI CON TARTARE DI PROSCIUTTO SALTATO

Per 4  persone

12 fettine di pane casereccio
1 vasetto di rilette di tonno e pomodori Cruscana
5 fette di prosciutto cotto
olio q.b.
Se preferite la rillette homemade:
200 g di tonno al naturale
125 g di burro morbido a crema
1 pomodoro
sale
succo di mezzo limone
un cucchiaino di senape
spezie a vostro piacimento (aneto, timo, maggiorana, ecc.)
tabasco

Tritate gli ingredienti della rillette con un minipimer se decidete di farla in casa.
Io ho utilizzato quella di Cruscana che è veramente ottima! W la France e le sue specialità!
Tagliate il prosciutto finemente e fatelo saltare in padella con un filo d'olio per un paio di minuti.
Spalmate la rillette sulle fettine e terminate con la finta "tartare" di prosciutto.
Davvero squisito!!!
Con questa ricetta partecipo al contest Un Natale da leccarsi le dita del blog Scorribande in cucina


Notte a tutti,
Ale.

sabato 1 dicembre 2012

Couscous alla marocchina

Buongiorno a tutti e buon sabato! Rieccomi qui con un altro piatto etnico: forse uno dei più famosi della tradizione africana: il couscous, il mio, in versione marocchina...pieno di colori e di sapori!
COUSCOUS ALLA MAROCCHINA
Per 6 persone 
800 g di pollo in pezzi ( cosce, sovracosce, petto, ali)
450 g di couscous
50 g di ceci già ammollati oppure lessi (io in alternativa ho usato lenticchie)
50 g di uvetta passa
3 zucchine
2 pomodori
2 cipolle
2 carote
40 g di burro
3 cucchiai di olio extravergine d'oliva San Sebastiano
1/4 cucchiaino di zafferano
1 mazzetto di prezzemolo
coriandolo
paprica
sale
pepe di cajenna

Mettete le cipolle mondate e tritate nella parte inferiore couscousier insieme al pollo ( o in una grande padella), aggiungete i ceci scolati, le carote pulite e tagliate a fette, l'olio, il pepe, lo zafferano e coprite d'acqua, lasciando cuocere a fuoco moderato per circa un'ora.
Trascorso questo tempo, salate. Inumidite il couscous mettendolo nella parte superiore del couscousier e lasciatelo cuocere a vapor per circa 30 minuti.
Poi toglietelo, bagnatelo, aggiungete allo stufato l'uvetta sciacquata, i pomodori tagliati a pezzi , le zucchine, il prezzemolo e il coriandolo.
Lasciate cuocere ancora per 30 minuti a fuoco moderato dopo aver posto nuovamente il couscous  nel couscousier. Prendete una tazza dell'intingolo dello stufato, unite il pepe di Cajenna e la paprica così da renderlo ben piccante.
Versate il couscous in una grande ciotola ( possibilmente di terracotta) unite il burro a fiocchetti e mescolate per bene, in modo che possa sciogliersi.
Disponete sopra il couscous  la carne e le verdure e bagnate tutto con il fondo di cottura oppure mecolate il tutto come piace a me... :P
Portate in tavola servendo la salsa piccante a parte.

 Con questa ricetta partecipo al contest Il couscous del Molino Chiavazza
Buon weekend a tutti,
Ale



Cosa ti sei perso recentemente...