sabato 14 luglio 2012

Uno di quei piatti che mai dimenticherò...

Buongiorno a tutti, questo piatto è veramente speciale e se avrete pazienza, vi racconterò perché...
Semplice, fresca e gustosa questa tartare é resa speciale dal taglio di un coltello formidabile Tescoma che ha la lama antiaderente e grazie ad essa il cibo non si attacca alla lama mentre lo si taglia..Comodissimo in cucina , la mia tartare ne è una dimostrazione!
Questo coltello mi è stato fornito da Youredo per la realizzazione della mia ricetta.
Ringrazio la cara e dolce Ylenia del blog DOLCEmente Salato per avermelo segnalato!


Si tratta di una gara tra foodblogger dove in palio ci sono codici sconto per i partecipanti!
Il mio codice di identificazione è youredo01.
La cosa interessante é che la ricetta è legata ad una gara culinaria che si terrà in Alto Adige, quindi dalle mie parti...e ben presto vi fornirò ulteriori dettagli!
E' la Youredo ad organizzare questa magnifica iniziativa e se siete curiosi, andate a visitare il loro sito:  è il paradiso per chi ama le cose di cucina e di casa come me... URL:  www.youredo.it


E visto che volete anche sapere la mia storia su questo piatto, ve la racconto con piacere!
Correva l'anno 2006, esattamente novembre 2006 e, all'interno dell'ufficio dell'università dove un tempo lavoravo, mi venne offerta la possibilità di partecipare ad una fiera a Parigi, 5 giorni a Parigi con  relative spese che mi sarebbero state rimborsate al mio rientro...Accettai senza esitazione, anche perché non ero mai stata a Parigi e morivo dalla voglia di vedere la cara amica Selma, che abita nei dintorni di Paris...
Furono dei giorni meravigliosi anche lavorativamente parlando e la sera prima di partire io e la mia collega Irma andammo in un ristorantino molto carino, elegante e semplice, le finestre avavano tende di raso bordeaux e i profumi della cucina inebriavano i commensali nella sala...questo è il ricordo fantastico che ho di quella sera!
Nel menù vidi un antipasto che mi incuriosì molto: " Tartare au saumon fumé à l'aneth et ananas"...quando lo mangiai, fui in estasi, era davvero buonissima e da allora molte volte la riproduco in casa!
Quella sera dissi molte volte al cameriere che la tartare era favolosa e prima di andar via, lo chef venne al nostro tavolo, si presentò e io gli dissi grazie e lo riempii di complimenti!
Lui replicò: " E' un onore per me ricevere complimenti sulle mie pietanze da una donna italiana, grazie!"
E ora che ho riprodotto questa meraviglia per l'ennesima volta, ti dico ancora : "Grazie caro Chef!!!!"

TARTARE AL SALMONE AFFUMICATO ALL'ANETO E ANANAS

Ingredienti per 4 tartare

3 fette di ananas
100 g di salmone affumicato
succo di un limone
olio evo
aneto

Munitevi di un buon coltello Tescoma e tagliate in  piccolissimi pezzi l'ananas e il salmone e mettetelo in una terrina a marinare col succo di limone, l'olio e l'aneto.


 Dopo 30 minuti trasferite il composto in 4 stampini da budino in metallo o alluminio, facendo pressione con una forchetta. Teneteli in frigo per un'ora circa.
Trascorsa l'ora, sformate le tartare e servite con della glassa all'aceto balsamico e un'ulteriore spolverata di aneto.


Quelle délice!


Con questa ricetta partecipo al contest Un paese nel cuore de La cucina di Monique


Ciao a tutti e buon weekend!
Ale.






16 commenti:

  1. Che meraviglia di ricetta e di racconto. Bravissima Ale, hai realizzato una ricetta fantastica in cui il coltello è davvero protagonista. Che dire... non mi resta che provare la tua buonissima tartare sognando Parigi. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie dolce Ylenia,provala questa tartare...in casa ha conquistato tutti, mia sorella compresa che detesta l'ananas!

      Elimina
  2. Che bello il coltello!
    Peccato che la gara si svolge al nord, mi sarebbe piaciuto tanto partecipare, giusto perfare qualcosa di diverso.
    La ricetta è fantastica.
    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, ti vengono rimborsate le spese di viaggio, se vuoi provare, non devi far altro che contattarli!!!! ciao e grazie mille!

      Elimina
  3. c'est merveilleux!!!! Una bellissima esperienza per un bellissimo piatto!!! complimenti! Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie marina...bisous à toi.

      Elimina
  4. Ciao Ale! Ed eccoci qui con la tua terza ricettina! Favolosa!
    Non ho mai provato una tartare così e sinceramente mi ha molto incuriosito.
    Bellissimo anche il tuo racconto di Parigi!
    E' così magica!! Ci sono stata una volta sola ma ci tornerei ancora ed ancora ...
    Un bacione grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mia cara, speravo ti piacesse in effetti...che dirti??? un bacione e a presto.

      Elimina
  5. Ciao Ale, che bellissimo racconto...Parigi è una città magica!
    La tartara è meravigliosa, sinceramente sono molto curiosa di provarla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia grazie mille...provalal e dimmi cosa ne pensi!

      Elimina
  6. che bella storia... da dove nascono le ricette... direi che sembra buonissima la tua tartare, il mix di sapori, affumicato e dolce sembra ottimo!!! mi piace!!! ciaooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti il connubio è eccezionale...ciao bella e buon weekend!

      Elimina
  7. fantastica! io ho difficoltà in cucina e diventa un problema invitare le persone: con questa ricetta posso cimentarmi in cucina anche io! e finalmente invitare gli amici senza ansia e godendomi la serata! perfetta! complimenti! e grazieeee!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie tesorino...sei troppo dolce.tvb

      Elimina
  8. Anche io sono un'amante dell'arredamento di design, anche in cucina, visto la passione che ho nello sperimentare ingredienti. Ricordo quel concorso di cucina, ti ricordi se vinse una ricetta dell'Alto Adige o una di un'altra regione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Ade, se non sbaglio vinse una blogger del Veneto ma non ne sono sicura.
      A presto!

      Elimina

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.