venerdì 8 giugno 2012

La mattonella di Rothko

Finalmente eccomi qua con una sfida abbastanza difficile: coniugare arte e cucina, impresa non facile... Premetto che in queste cose non sono molto brava e che, il risultato finale non è quello che mi aspettavo, ma bisogna provare una volta nella vita, no???
Per il contest di Elisa del blog Sapori di Elisa mi sono ispirata ad un quadro di Mark Rothko, artista astrattista statunitense, Untitled  del 1947, che venne commissionato al pittore dal proprietario di un ristorante di New York...Ok, noi non siamo a New York, io non sono un'artista e la mia produzione ricorda vagamente questo dipinto ma sono comunque soddisfatta di essermi cimentata in questa sfida...
E poi quest'occasione mi è servita per inventarmi qualcosa di innovativo: la frolla sfogliata (l'ho chiamata così perché si tratta di una sorta di pasta frolla che ricorda la pasta sfoglia, ma non è né l'una né l'altra, bensì un fantastico mix...Non ci credete? Provare per credere....
Ora veniamo a noi:

MATTONELLA ARTISTICA DI FROLLA SFOGLIATA AL CIOCCOLATO E GLASSA AL RIBES
La mia mattonella 
Questo il quadro da cui ho preso ispirazione (immagine presa dal web)

Ingredienti per circa 8 mattonelle

200 g di farina
2 tuorli d'uovo
120 g di zucchero
250 g di burro
vanillina
50 g di mascarpone

Per la copertura

200 g di cioccolato al latte di ottima qualità
1 cucchiaino di olio di semi
100 g di crema bianca alla gianduia ( acquistata in un negozio che vende articoli di pasticceria)
qualche cucchiaino di succo di ribes
zucchero a velo
confettini color blu

Impastate il mascarpone con lo zucchero, i tuorli e la farina. Aggiungete la vanillina e componete un impasto abbastanza sodo da far riposare circa 1 ora in frigo.
Trascorsa l'ora , ammorbidite l'impasto e aggiungete i 250 g di burro freddo di frigo, rigirate la pasta su sè stessa dai lati e da sotto e da sopra come agireste per una pasta sfoglia home made. Ripetete quest'operazione 3 volte. Lasciate riposare nuovamente la pasta in frigo per 30 minuti.
Trascorso questo tempo, stendete la pasta con un'altezza di un cm con un mattarello, io l'ho stesa direttamente sulla placca rivestita con carta forno e ne ho ricavato 8 mattonelle lunghe con la rondellina tagliapasta.
Cuocete per circa 30 minuti a 180°.

Per coprire, fondete il cioccolato a bagnomaria con l'olio oppure in microonde per pochi secondi.
La glassa si ottiene mescolando qualche cucchiaino di succo di ribes con lo zucchero a velo.
Stendete il cioccolato sulle vostre mattonelle. Decorate con glassa, crema di gianduia e confettini blu. Lasciate solificare il cioccolato in frigo.

Cosa ne pensate?

    

Con questa ricetta partecipo al contest di Elisa Contaminazioni Food and...Art


A presto carissimi.
la vostra Ale.


11 commenti:

  1. Risposte
    1. grazie anche se sono poco convinta del risultato!

      Elimina
  2. Ciao Ale! Certo che va bene! Hai colto in pieno il senso del mio contest, quindi ti ringrazio e vado subitissimo a inserirti! :D
    Ti aspetto anche per le future contaminazioni ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la dolce eli non si smentisce mai...grazie di cuore!

      Elimina
  3. Risposte
    1. ma grazie....almeno c'ho provato!

      Elimina
  4. Oltre ad adorare la buona cucina, dipingo e sono una creativa...quindi non posso che ammirare e farti i miei complimenti per l'ispirazione che hai avuto!
    Se ti va, oltre al mio blog di cucina, puoi passare anche nel mio blog che parla di arte moderna http://evelin-capici.blogspot.it/
    Ciao e buon pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono passata nel tuo blog artistico e ne sono rimasta totalmente rapita e affascinata...fantastici i tuoi quadri!!!!

      Elimina
  5. Sei stata bravissima! Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazieeeee ma sono poco soddisfatta. la prossima volta farò di meglio!

      Elimina
  6. mi piace Rothko : bella ispirazione la tua!!! ben ideata e particolare nei colori non semplici da ricreare. Bravissima
    Dani

    RispondiElimina

Grazie per il commento che stai per postare...sono sempre emozionata e ansiosa di leggerti! Se hai un blog, verrò presto a trovarti...grazie, Ale.